Testo di: Loris Lazzati
Foto di: Franco Garlaschelli by Pezzini Contract Emanuela Fagioli

La nuova casa
del Cobat

La ristrutturazione è stata improntata alla sobrietà e alla funzionalità, ma con soluzioni tecnologiche d’avanguardia soprattutto per la comunicazione e il risparmio energetico.
Il Cobat cambia casa. Da agosto il Consorzio ha lasciato la storica sede di via Toscana per entrare in quella nuova di via Vicenza 29, sempre a Roma: si tratta del Villino Macchi di Cellere, un fabbricato risalente alla seconda metà dell’Ottocento, ristrutturato e arredato dalla Pezzini Contract sotto la guida dell’architetto Paolo Antonio Rotellini e del suo staff creativo - progettuale.
La storia del villino narra un aneddoto davvero speciale: a inizio Novecento ospitò uno dei due fratelli Wright, Wilbur, il pioniere del volo. La sua proprietaria di allora, la contessina Mary Macchi, per una casualità diventò la prima «donna volante italiana». La vicenda è stata raccontata dal giornalista Carlo Mercuri su un articolo de Il Messaggero, pubblicato il 19 aprile 2009: «Wilbur Wright... venne a Roma con un incarico preciso e assai ben remunerato, quello di dare lezioni di pilotaggio a due ufficiali italiani... L’aereo utilizzato fu il Flyer che Wright portò smontato in treno da Parigi... Il “Club degli Aviatori” che finanziò l’operazione sistemò Wright e il suo aereo in un capannone sul limitare del pratone... La contessina Mary Macchi di Cellere, proprietaria del fondo su cui ci sarebbe stata l’esibizione aerea, si incuriosì per quell’uomo che dormiva in terra accanto a quella strana macchina volante, e lo invitò nella sua villa. Wilbur accettò e ricambiò la cortesia offrendo alla contessina la possibilità di fare un giro sul suo aereo: fu così che, per bizzarria della storia, la nobildonna divenne anche la prima donna “volante” d’Italia».
l villino ha una forma estremamente razionale, sviluppata su tre ordini orizzontali. L’architetto Rotellini ci illustra la filosofia della ristrutturazione: «Siamo intervenuti a livello conservativo per dare al fabbricato le stesse coordinate originarie. Quando fu costruito doveva essere un’abitazione, poi fu trasformato in uffici anche stravolgendo la sua natura originaria. Con un po’ di pazienza e tanta buona volontà siamo riusciti a tornare, ovviamente con le varianti del caso e le nuove tecnologie, allo spirito delle origini, databili tra il 1850 e il 1870. Internamente l’edificio si presentava ormai amorfo. Non erano del tutto sparite le connotazioni con cui era stato costruito, ma c’era uno stato quasi di oblìo. La struttura nel tempo era stata modificata e siamo dovuti intervenire con opere di consolidamento. Abbiamo rifatto completamente gli impianti tecnologici, installando pannelli solari per adattare il fabbricato alle nuove esigenze e attuando operazioni di risparmio energetico come la realizzazione di un “cappotto” isolante interno con pannelli di stiferite che ha messo il fabbricato nella condizione di raggiungere una classe energetica più adeguata. L’impianto elettrico è stato realizzato ex novo. I servizi sono stati automatizzati sia in senso orizzontale che verticale. L’obiettivo è stato anche quello di ridurre per il futuro i costi di gestione. Tutti gli impianti sono stati messi sotto controllo: se ci fosse un guasto, in remoto sarebbe possibile sapere immediatamente che cosa si è rotto e dove».
La ristrutturazione è stata improntata alla sobrietà e alla funzionalità, ma la tecnologia è presente al massimo livello: «Il fiore all’occhiello è l’ampio raggio di connettività interna ed esterna che consente a tutti i consorziati Cobat di intervenire in remoto durante le riunioni o per qualsiasi esigenza. In un fabbricato adiacente è stata ricavata la sala conferenze multimediale, fondamentale per l’attività del Consorzio. Abbiamo curato molto l’insonorizzazione, gli arredamenti sono sobri ma di livello. Il tavolo per le riunioni è stata una sfida: è in tek di massello, è lungo oltre 15 metri e pesa due tonnellate, perché vi si devono accomodare 30 persone. E’ stata una sfida così particolare che nella mia carriera non pensavo l’avrei mai affrontata, ma la buona intesa e le soluzioni studiate con l’impresa Pezzini Contract ci ha permesso, in più occasioni di risolvere problematiche di non poco conto».
Trattandosi di Cobat, la sede non può che essere green e improntata a evitare gli sprechi energetici: «Abbiamo utilizzato lampade a led, che consumano un quarto o anche meno delle lampade a incandescenza. Abbiamo modificato le volte per ottimizzare l’illuminazione e abbiamo predisposto l’edificio a sostenere minor consumi possibili, in linea con normative sul risparmio energetico vigenti e con le tendenze architettoniche attuali».
Tecnologia innovativa e sobrio ritorno alle origini. La filosofia di questo intervento si potrebbe sintetizzare con i versi di Giovanni Pascoli: «C’è qualcosa di nuovo oggi nel Sole, anzi di antico». L’architetto Rotellini usa uno slogan dal significato non molto dissimile: «Le cose belle rimangono nel tempo, quelle brutte hanno vita breve».
















Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.