Testo di: Loris Lazzati

Raee e pannelli,
accordo strategico

Cobat e Sea hanno firmato un’intesa esclusiva con un obiettivo ambizioso: realizzare la prima efficiente filiera italiana dalla produzione al riciclo di moduli fotovoltaici.
Una collaborazione strategica per i Raee e i pannelli solari.
Cobat e Sea (Servizi Ecologici Ambientali) hanno firmato un accordo esclusivo con un obiettivo ambizioso: realizzare la prima innovativa filiera italiana nel campo dei pannelli fotovoltaici dalla produzione al loro riciclo a fine utilizzo.
Questo progetto, sviluppato sotto il marchio Futuraee, unisce l’esperienza e l’organizzazione del consorzio, che Cobat ha saputo sviluppare in oltre 25 anni di attività, la competenza e la capillare diffusione sul territorio dei quasi 90 Punti Cobat, alle tecnologie innovative detenute da Sea per il trattamento dei Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e, soprattutto, dei pannelli fotovoltaici cristallo silicio.
Il risultato è la genesi di un sistema virtuoso di gestione delle apparecchiature dismesse, finalizzato alla totale valorizzazione dei componenti dal quale ricavare materie prime seconde con l’eliminazione dello smaltimento in discarica anche solo di piccole parti.
L’ottimizzazione operativa derivata dalla cooperazione dei due partner consente quindi la possibilità di un’offerta economica rivolta ai produttori e detentori dei dispositivi dismessi particolarmente valida proprio grazie alla possibilità di convertire il concetto di rifiuto in bene da valorizzare.
Sul significato e gli obiettivi di Futuraee il dott. Giuseppe Ziliani, Presidente di Sea e firmatario dell’accordo, ci chiarisce: «Fino a qualche mese fa il mercato non si è preoccupato delle possibili difficoltà nello sviluppare idonee tecnologie per il trattamento a fine vita dei pannelli fotovoltaici, limitandosi, nella maggior parte dei casi allo sviluppo di dispositivi per il recupero del vetro. Nel nostro stabilimento di Malo, in provincia di Vicenza, abbiamo sviluppato una linea di trattamento in grado di recuperare il 99% dei materiali che compongono i pannelli cristallo-silicio. Con la nostra tecnologia il pannello diviene un prodotto interamente riciclabile.
Le attività di trattamento eseguite su un pannello fotovoltaico completo da 21 Kg. di peso consentono infatti mediamente il recupero di 15 Kg. di vetro, 2,8 Kg di materiale plastico, 2 Kg di alluminio, 1 Kg di polvere di silicio, 0,15 Kg. di rame.La possibilità di offrire ai produttori/importatori associati al Consorzio la garanzia di usufruire delle migliori tecnologie di trattamento dei prodotti per cui sono responsabili, si pone alla base dell’accordo con il Cobat, non limitato ai Pannelli Fotovoltaici ma esteso anche al trattamento dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (Raee).
L’obiettivo di Sea è di garantire a Cobat impianti che garantiscano la “best practice” per arrivare alle maggiori percentuali di recupero di materie prime seconde».









Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.