Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori


COBAT INFORMA

Comunicare l’ambiente
al tempo dell’economia circolare

A Milano, presso la Società Umanitaria, tre incontri per i giornalisti professionisti, validi per il riconoscimento dei crediti.
Ottantadue n°3 Giugno 2017

Dopo l’esperienza 2016, che ha visto Cobat, in collaborazione con la Società Umanitaria, organizzare tre incontri con i giornalisti professionisti sul tema “Comunicare l’ambiente al tempo dell’economia circolare”, si replica nel 2017 portando a quattro le giornate di corso per un totale di venti ore di formazione valide per il riconoscimento dei crediti professionali.
Temi trattati: Il senso dell’economia, le normative europee ed italiane in materia di rifiuti pericolosi e RAEE con un focus sulle attività di Cobat, la piaga degli ecoreati e un orientamento per la corretta ricerca delle fonti di dati e notizie legati alle tematiche presentate.
La parola “rifiuti” concettualmente non dovrebbe più essere usata. Ogni prodotto a fine vita ritorna semplicemente risorsa. Questo l’attacco al tema caro a Giancarlo Morandi,  Presidente Cobat, e questo il senso dell’economia circolare: il prodotto immesso al consumo viene utilizzato e una volta terminato il suo utilizzo raccolto e avviato o al riuso o al riciclo per produrre nuova materia prima che le aziende utilizzeranno per i nuovi prodotti senza andare a depauperare le finite risorse naturali del pianeta.
Di pari passo con una maggior sensibilità ambientale, le normative italiane ed europee a partire dalla metà degli anni ‘80 hanno cercato di mettere ordine in un universo fino ad allora poco classificato. I passaggi cardine di questo evolversi del quadro normativo sono illustrati da Michele Zilla, esperto in sistemi di raccolta e riciclo e da un decennio Direttore Generale di Cobat.
Oltre ai dati relativi ai sistemi di raccolta e alla comparazione dei risultati italiani con quelli degli altri Stati europei, i seminari offrono un focus sulle criticità, ovvero sulle pratiche illegali, sui danni che esse causano e sulle turbative di mercato.
Nel raccontare Cobat, i suoi numeri, i suoi soci, la mole dei ritiri, gli impianti di trattamento, la rete logistica sul territorio nazionale e il sistema informatico di tracciabilità, Morandi illustra anche la capacità di visione dello staff di Cobat e il forte impegno del Consorzio nel settore della ricerca, oggi più che mai indispensabile proprio perché peculiarità dell’economia circolare è anche la capacità di progettare prodotti sempre più idonei e facili da riutilizzare o recuperare.
Gianluca Martelliano, area comunicazione, illustra ai colleghi gli strumenti di comunicazione messi in campo dal Consorzio e chiude il suo intervento con un focus dedicato alle fonti di dati e notizie, siti e contatti più che preziosi per chi ha scelto di fare dell’informazione la sua professione.



Rapporto Cobat 2016
un modello europeo
di economia circolare
Presentato a Roma il Rapporto 2016 delle attività Cobat. In un anno 140 milioni di chili di prodotti tecnologici sono stati trasformati in nuove risorse.
Servono leggi più
semplici ed efficaci
L’economia circolare non ha bisogno di ostacoli, ma di interpreti intelligenti della realtà.
G7: nessun passo
indietro sul clima
Dopo il summit dei Capi di Stato dei Paesi più potenti del pianeta a Taormina, i ministri dell’Ambiente si sono confrontati in un G7 Green a Bologna: “Avanti con Parigi”.
Altan disegna l'ambiente
Presentate a Bologna le 25 folgoranti vignette green firmate dal maestro Altan. Sono il contributo di Cobat e Conou al dibattito del G7 Ambiente.
Da Pavia a Norcia,
parte dai territori
l’economia circolare
Entra nel vivo il Tour Panorama d’Italia 2017
alla scoperta delle eccellenze del nostro Paese.
Tra quelle imprenditoriali i Punti Cobat, impegnati a difendere l’ambiente in città
e province.
emob, si può
“Assalto” di auto a emissioni zero al Castello Sforzesco in occasione della Conferenza nazionale della mobilità elettrica. Sottoscritta una Carta Metropolitana con impegni precisi.
Il Vaticano primo Stato a emissioni zero?
A Papa Francesco, molto sensibile ai temi ambientali, è stata donata un’auto elettrica durante il forum “Laudato si’: la sostenibilità
tra comunicazione e innovazione”.
In ricordo
di Paolo Palleschi
Cobat piange Paolo Palleschi, giornalista e presidente dell’agenzia Eprcomunicazione.
Le sue idee e i suoi progetti sono stati una grande risorsa per il Consorzio.
Rivedere il sistema
per renderlo più sostenibile
L’economia della ciambella
Sette mosse per pensare
come un economista del XXI secolo
di Kate Raworth
Car, in Italia
l’autodemolizione è di qualità
A Falerna Marina (CS) il convegno della Confederazione Autodemolitori Riuniti (CAR). Presentato con Cobat il protocollo d'intesa finalizzato all'ottimizzazione dei flussi e al tracciamento dei rifiuti.
Comunicare l’ambiente
al tempo dell’economia circolare
A Milano, presso la Società Umanitaria, tre incontri per i giornalisti professionisti, validi per il riconoscimento dei crediti.