Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori


COBAT INFORMA

Car, in Italia
l’autodemolizione è di qualità

A Falerna Marina (CS) il convegno della Confederazione Autodemolitori Riuniti (CAR). Presentato con Cobat il protocollo d'intesa finalizzato all'ottimizzazione dei flussi e al tracciamento dei rifiuti.
Ottantadue n°3 Giugno 2017

Il sistema dell’autodemolizione in Italia ha raggiunto, con poche eccezioni, un livello che sfiora l’ottimale per qualificazione industriale, tecnologico e professionale. Ne è fiera la Confederazione Autodemolitori Riuniti (CAR) che il 10 giugno a Falerna Marina (CZ) ha voluto rimarcare, dati alla mano, la legittimità della figura dell’autodemolitore ed il suo significativo  ed efficace ruolo nel conseguire gli obiettivi di recupero.
“In altri Stati europei, spiega il Presidente di CAR, Alfonso Gifuni, la figura dell’autodemolitore è stata esautorata da altre parti della filiera: il veicolo non viene più scomposto all’interno di impianti di autodemolizione ma semplicemente bonificato nelle concessionarie, dopo di che si procede alla frantumazione e poi alla selezione delle parti. È come se mandassimo in discarica i rifiuti solidi urbani di una città e poi pretendessimo di fare la raccolta differenziata nella stessa discarica. Il sistema italiano, invece, che prevede l’analitica scomposizione dei veicoli nei nostri impianti, fa sì che si ottenga una percentuale molto più alta di recupero (che peraltro è quella indicata dal legislatore). Dobbiamo continuare a difendere il nostro ruolo: l’alternativa non solo mortificherebbe l’ambiente ma metterebbe a rischio gli investimenti delle nostre piccole e medie imprese e la relativa crescita imprenditoriale e culturale conseguita nel tempo”.
Nel corso del convegno è stato inoltre presentato il protocollo d’intesa tra CAR e Cobat finalizzato all’ottimizzazione dei flussi e al tracciamento dei rifiuti.
Rapporto Cobat 2016
un modello europeo
di economia circolare
Presentato a Roma il Rapporto 2016 delle attività Cobat. In un anno 140 milioni di chili di prodotti tecnologici sono stati trasformati in nuove risorse.
Servono leggi più
semplici ed efficaci
L’economia circolare non ha bisogno di ostacoli, ma di interpreti intelligenti della realtà.
G7: nessun passo
indietro sul clima
Dopo il summit dei Capi di Stato dei Paesi più potenti del pianeta a Taormina, i ministri dell’Ambiente si sono confrontati in un G7 Green a Bologna: “Avanti con Parigi”.
Altan disegna l'ambiente
Presentate a Bologna le 25 folgoranti vignette green firmate dal maestro Altan. Sono il contributo di Cobat e Conou al dibattito del G7 Ambiente.
Da Pavia a Norcia,
parte dai territori
l’economia circolare
Entra nel vivo il Tour Panorama d’Italia 2017
alla scoperta delle eccellenze del nostro Paese.
Tra quelle imprenditoriali i Punti Cobat, impegnati a difendere l’ambiente in città
e province.
emob, si può
“Assalto” di auto a emissioni zero al Castello Sforzesco in occasione della Conferenza nazionale della mobilità elettrica. Sottoscritta una Carta Metropolitana con impegni precisi.
Il Vaticano primo Stato a emissioni zero?
A Papa Francesco, molto sensibile ai temi ambientali, è stata donata un’auto elettrica durante il forum “Laudato si’: la sostenibilità
tra comunicazione e innovazione”.
In ricordo
di Paolo Palleschi
Cobat piange Paolo Palleschi, giornalista e presidente dell’agenzia Eprcomunicazione.
Le sue idee e i suoi progetti sono stati una grande risorsa per il Consorzio.
Rivedere il sistema
per renderlo più sostenibile
L’economia della ciambella
Sette mosse per pensare
come un economista del XXI secolo
di Kate Raworth
Car, in Italia
l’autodemolizione è di qualità
A Falerna Marina (CS) il convegno della Confederazione Autodemolitori Riuniti (CAR). Presentato con Cobat il protocollo d'intesa finalizzato all'ottimizzazione dei flussi e al tracciamento dei rifiuti.
Comunicare l’ambiente
al tempo dell’economia circolare
A Milano, presso la Società Umanitaria, tre incontri per i giornalisti professionisti, validi per il riconoscimento dei crediti.