Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori


COBAT INFORMA

Social innovation:
Hitachi guarda al futuro

All’Hangar Bicocca di Milano l’Hitachi Social Innovation Forum. Un evento di portata internazionale per parlare di nuove tecnologie.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

All’Hangar Bicocca di Milano l’Hitachi Social Innovation Forum. Un evento di portata internazionale per parlare di nuove tecnologie e dei vantaggi che esse possono dare alla qualità della vita di tutti, dagli aspetti sociali e occupazionali a quelli dell’ecosostenibilità. I protagonisti del panorama industriale e istituzionale italiano si sono confrontati con gli esperti di Hitachi, azienda giapponese leader mondiale in tantissimi settori: dai treni di ultima generazione all’informatica, dalle videocamere di sicurezza agli storage di energia, dai sistemi automotive alle componenti industriali e tanto altro.
Star della giornata il robot Emiew3. In apertura dei lavori l’intervento del presidente Toshiaki Higashihara, il quale ha confermato l’intenzione di Hitachi di investire sempre di più in Italia, Paese dove i risultati in termini di crescita e fatturato sono già eccellenti. Presenti al forum anche il presidente di Cobat Giancarlo Morandi, il vice Guido Borzoni e il direttore generale Michele Zilla, i quali hanno confermato l’impegno costante del Consorzio nel guardare alle nuove tecnologie per potersi attrezzare al meglio in vista delle sfide future.
“La social Innovation è quello che Hitachi fa da 107 anni - spiega Lorena Dellagiovanna, Country Manager Italy di Hitachi Europe - Sviluppiamo tecnologie all’avanguardia per infrastrutture sociali, e offriamo innovazione con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di tutti. In Italia Hitachi può contare su moltissime sinergie a livello di ingegneria e industria, vediamo un ottimo potenziale sia per noi, sia per il Paese”.
Vedendo all’opera Emiew3 in tanti si sono domandati se nel futuro un robot potrà sostituire l’essere umano in molti campi lavorativi e assistenziali.
“Lo abbiamo ribadito oggi, il robot non deve sostituire l’uomo, ma supportarlo e integrarsi con il suo operato - aggiunge Dellagiovanna - Si tratta comunque di una vera e propria intelligenza artificiale entrata in azione già in alcune operazioni di sicurezza in aeroporto a Tokyo, in supporto a persone incaricate di effettuare i controlli. Speriamo di vederlo presto all’opera anche negli ospedali”.



l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.