Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori


COBAT INFORMA

A Matera il corso
di giornalismo Laura Conti

Incontrare i giovani e parlare con loro del proprio lavoro è sempre stimolante, ma nello stesso tempo non è facile trovare un gruppo di ragazze e ragazzi interessati al confronto.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

Forse questa del confronto è proprio la ragione primaria che spinge il presidente di Cobat Giancarlo Morandi a dedicare mezza giornata all’incontro con i frequentatori del corso di giornalismo Laura Conti, corso voluto da Legambiente e diretto da Luca Biamonte.
Il Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti, giunto alla XVI edizione, si è tenuto per il primo anno in Basilicata, a Maratea e Matera. Il percorso formativo, residenziale e a tempo pieno, è durato 6 settimane e ha previsto 220 ore di lezione, tra teoria e pratica. Rivolto a giornalisti professionisti e pubblicisti, cui è offerta la possibilità di ottenere i crediti formativi richiesti dall’Ordine dei Giornalisti ai fini della formazione continua obbligatoria, il corso è aperto anche a laureati o diplomati interessati a conoscenze di base e tecniche dell’informazione ambientale e della comunicazione pubblica.
L’iniziativa ha ricevuto i seguenti patrocini: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Comune di Maratea, della Fondazione Matera 2019, di Kyoto Club, Federparchi, di Res4Med, della Federazione Italiana Media Ambientali e di Enea.
“Parlare di economia circolare ai giovani non è semplice, normalmente in altre occasioni si è dovuto constatare come i termini “economia circolare” siano completamente sconosciuti - racconta il presidente di Cobat - ma ad un corso di giornalismo voluto da una organizzazione ambientalista questo non era ovviamente possibile e così l’illustrazione del caso Cobat come esempio di economia circolare ha interessato tutti i partecipanti all’incontro. Certamente destano sempre stupore i risultati ottenuti da Cobat nel campo delle batterie esauste al piombo, quando ho ricordato come l’attività del consorzio abbia evitato al nostro pianeta una miniera lunga venti chilometri per estrarre il minerale per avere le stesse quantità di piombo prodotte con il riciclo.”
Stupore che poi è virato in forte curiosità quando si è affrontato il problema del riciclo dei pannelli fotovoltaici, per il quale Cobat ha adottato un sistema finanziario e organizzativo che poi ha fatto scuola, tanto da essere adottato come modello dal nostro governo.
“L’interesse dei futuri giornalisti - prosegue Morandi - è ancora aumentato nel valutare le necessità di raccolta e riciclo riguardanti tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche che vedono l’Italia fanalino di coda in Europa.”


l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.