Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

Testo di: Matteo Filacchione
SPECIALE ECOMONDO

Fine vita dei veicoli,
un accordo innovativo

Autodemolitori e Cobat alleati per la tracciabilità e il riciclo delle componenti dei veicoli. All’assemblea nazionale Car, Gifuni e De Persio hanno illustrato il servizio.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

Favorire alleanze di filiera per il fine vita dei veicoli nell’ottica di tutelare operatori del settore, cittadini e ambiente. Il tutto all’insegna del recupero dei materiali e della legalità. Se n’è parlato durante l’assemblea nazionale di CAR (Confederazione degli Autodemolitori Riuniti) che si è svolta al Grand Hotel di Rimini. Alfonso Gifuni, presidente di Car, e Claudio De Persio, direttore operativo di Cobat, hanno illustrato l’importante accordo nazionale siglato dagli autodemolitori e dal Consorzio. Presenti anche Giancarlo Morandi e Michele Zilla, rispettivamente presidente e direttore generale di Cobat. Nell’occasione il dirigente della Polizia Stradale di Rimini Angelo Frugieri, ha sottolineato pubblicamente l’impegno del Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo a favore della legalità.
“Questo accordo è la prosecuzione di un altro precedente fatto con Cna all’interno del progetto Easy Collect - spiega Claudio De Persio, direttore operativo Cobat - Car è una costola di Cna, e quindi abbiamo inserito in questo contesto più generale l’intesa con gli autodemolitori. L’accordo consiste nel mappare totalmente le attività di autodemolizione. Tutto ciò ha permesso a Cobat di realizzare un software che consentirà a ogni iscritto Car di inserire nell’ambito di questo gestionale, in un’area riservata, le auto che demolirà nel corso dell’esercizio dell’anno”. Qual è il significato, il valore aggiunto di questa attività? “La tracciabilità di tutto ciò che entra nell’autodemolizione - risponde De Persio - Un veicolo viene demolito, viene identificato il modello, e il modello identificato viene registrato dal Consorzio in una banca dati a disposizione dei produttori iscritti a Cobat”. Si tratta dunque di un accordo trasversale che vede l’autodemolitore e la casa automobilistica iscritta al Consorzio interagire tra loro, e avere una visione generale di quello che sta accadendo in tempo reale sul territorio. “Cobat ha sempre messo a disposizione servizi innovativi a favore dei propri associati - aggiunge il direttore operativo - Questo è il primo accordo del genere in Italia ed è destinato a rivoluzionare il settore dell’autodemolizione e della tracciabilità dei rifiuti”.
Soddisfatto dell’intesa anche il presidente della Confederazione Autodemolitori Riuniti. “Continua la collaborazione tra Car e Cobat, due strutture che si sono consolidate sul territorio con un’organizzazione davvero importante - sottolinea Alfonso Gifuni - Oggi presentiamo la parte operativa di un accordo formalizzato già da qualche mese. Con esso stiamo dando al Governo un’opportunità di tracciabilità creata da noi stessi d’intesa con il Consorzio. Noi raccoglieremo tutti i dati dei materiali che provengono dalla scomposizione del veicolo, e faremo in modo che tutte le informazioni sull’effettiva bonifica dell’auto e del recupero delle parti sia ampiamente documentata in collaborazione con un sistema informatico importantissimo che è quello creato negli anni da Cobat”.



l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.