Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

Testo di: Matteo Filacchione
SPECIALE ECOMONDO

Fine vita dei veicoli,
un accordo innovativo

Autodemolitori e Cobat alleati per la tracciabilità e il riciclo delle componenti dei veicoli. All’assemblea nazionale Car, Gifuni e De Persio hanno illustrato il servizio.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

Favorire alleanze di filiera per il fine vita dei veicoli nell’ottica di tutelare operatori del settore, cittadini e ambiente. Il tutto all’insegna del recupero dei materiali e della legalità. Se n’è parlato durante l’assemblea nazionale di CAR (Confederazione degli Autodemolitori Riuniti) che si è svolta al Grand Hotel di Rimini. Alfonso Gifuni, presidente di Car, e Claudio De Persio, direttore operativo di Cobat, hanno illustrato l’importante accordo nazionale siglato dagli autodemolitori e dal Consorzio. Presenti anche Giancarlo Morandi e Michele Zilla, rispettivamente presidente e direttore generale di Cobat. Nell’occasione il dirigente della Polizia Stradale di Rimini Angelo Frugieri, ha sottolineato pubblicamente l’impegno del Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo a favore della legalità.
“Questo accordo è la prosecuzione di un altro precedente fatto con Cna all’interno del progetto Easy Collect - spiega Claudio De Persio, direttore operativo Cobat - Car è una costola di Cna, e quindi abbiamo inserito in questo contesto più generale l’intesa con gli autodemolitori. L’accordo consiste nel mappare totalmente le attività di autodemolizione. Tutto ciò ha permesso a Cobat di realizzare un software che consentirà a ogni iscritto Car di inserire nell’ambito di questo gestionale, in un’area riservata, le auto che demolirà nel corso dell’esercizio dell’anno”. Qual è il significato, il valore aggiunto di questa attività? “La tracciabilità di tutto ciò che entra nell’autodemolizione - risponde De Persio - Un veicolo viene demolito, viene identificato il modello, e il modello identificato viene registrato dal Consorzio in una banca dati a disposizione dei produttori iscritti a Cobat”. Si tratta dunque di un accordo trasversale che vede l’autodemolitore e la casa automobilistica iscritta al Consorzio interagire tra loro, e avere una visione generale di quello che sta accadendo in tempo reale sul territorio. “Cobat ha sempre messo a disposizione servizi innovativi a favore dei propri associati - aggiunge il direttore operativo - Questo è il primo accordo del genere in Italia ed è destinato a rivoluzionare il settore dell’autodemolizione e della tracciabilità dei rifiuti”.
Soddisfatto dell’intesa anche il presidente della Confederazione Autodemolitori Riuniti. “Continua la collaborazione tra Car e Cobat, due strutture che si sono consolidate sul territorio con un’organizzazione davvero importante - sottolinea Alfonso Gifuni - Oggi presentiamo la parte operativa di un accordo formalizzato già da qualche mese. Con esso stiamo dando al Governo un’opportunità di tracciabilità creata da noi stessi d’intesa con il Consorzio. Noi raccoglieremo tutti i dati dei materiali che provengono dalla scomposizione del veicolo, e faremo in modo che tutte le informazioni sull’effettiva bonifica dell’auto e del recupero delle parti sia ampiamente documentata in collaborazione con un sistema informatico importantissimo che è quello creato negli anni da Cobat”.



Ecomondo. I prodotti
rinascono nel Cerchio
della Vita
È il Cerchio della Vita il tema portato da Cobat a Ecomondo. Una linea continua che si rigenera è l’emblema perfetto dell’economia circolare che il Consorzio promuove da quasi 30 anni.
Chi inquina limita
la nostra libertà
Essere liberi è per chiunque la prima necessità per una vita piena ma purtroppo in ogni angolo della nostra società vi sono mille e mille impedimenti al conseguimento di una vera libertà personale.
La mobilità
sarà elettrica
A Ecomondo la Conferenza Nazionale su città e trasporti sostenibili. Comuni e aziende investono sempre di più nelle auto elettriche. Nissan lancia un veicolo con 450 km di autonomia.
Il riciclo diventa
arte insieme
a Cobat
Alla grande fiera internazionale di Rimini il Consorzio ha dato spazio alla creatività di due artisti per promuovere il messaggio dell’economia circolare.
Fine vita dei veicoli,
un accordo innovativo
Autodemolitori e Cobat alleati per la tracciabilità e il riciclo delle componenti dei veicoli. All’assemblea nazionale Car, Gifuni e De Persio hanno illustrato il servizio.
RAEE
“Open scope”
Si ampliano raccolta e riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche
Eco-Bat, il bosco
in fabbrica
A Marcianise, nella terra dei fuochi, per risanare suoli inquinati, l’azienda leader mondiale nel settore del piombo ha scelto la rivoluzionaria e paradigmatica soluzione offerta dalla natura.
Gli italiani credono
nelle rinnovabili
Presentato a Milano il XV Rapporto “Gli italiani e il solare”. Elevata la fiducia nelle energie pulite, e metà dei nostri connazionali comprerebbe un’auto elettrica.
Continua il viaggio
alla scoperta
del meglio d’Italia
Dalla Capitale economica d’Italia alla Grande Mela, passando per Olbia, Caserta e Ragusa. Panorama valorizza le eccellenze del Paese, portandole per la prima volta anche all’estero.
Lo stress colpisce pure i sistemi ecologici e sociali
Tim Jackson: “Questo libro nasce da un rapporto commissionato dal governo britannico. L’idea era quella di rivisitare l’idea di crescita economica, in particolare del conflitto tra la crescita infinita e l’ambiente."
A Matera il corso
di giornalismo Laura Conti
Incontrare i giovani e parlare con loro del proprio lavoro è sempre stimolante, ma nello stesso tempo non è facile trovare un gruppo di ragazze e ragazzi interessati al confronto.
Social innovation:
Hitachi guarda al futuro
All’Hangar Bicocca di Milano l’Hitachi Social Innovation Forum. Un evento di portata internazionale per parlare di nuove tecnologie.