Testo di: Gea Nogara
COBAT INFORMA

È nato Cogepir,
il consorzio
di smaltimento
dei pirotecnici

Coinvolti nel Consorzio tutti i principali produttori e importatori nazionali di fuochi. Insieme a loro anche UCINA Confindustria Nautica, che ne ha promosso la costituzione, e Cobat.
Ottantadue n°6 Dicembre 2017

Dopo l’intervento del Ministero dell’Ambiente con il DM 101/2016 che, recependo la normativa comunitaria, ha stabilito la responsabilità del produttore di organizzare il ritiro, è nato a fine 2017 Cogepir, il consorzio di gestione dello smaltimento dei pirotecnici.
Il Consorzio vede coinvolti tutti i principali produttori e importatori nazionali. A farne parte - insieme a UCINA Confindustria Nautica, che ne ha promosso la costituzione, e Cobat, Consorzio Nazionale Raccolta e riciclo - i soci fondatori Albatros Srl, Arduino Srl, Canepa & Campi Srl, FDF Nautica Srl, Jonassohn Srl, Mugnaioni Srl e Panzera Sas.
Lo statuto prevede tre categorie di soci, produttori e importatori, altre imprese interessate dalla distribuzione, commercializzazione e smaltimenti dei pirotecnici, associazioni di categoria. A guidare il consorzio è Alberto Osculati, nominato presidente.
“Come presidente dell’Assemblea Accessori di UCINA Confindustria Nautica - spiega il neo presidente - mi sono fatto carico di individuare una soluzione non facile dal punto di vista organizzativo, tecnico e non ultimo anche economico che ha portato appunto alla costituzione del Cogepir. Devo ringraziare le aziende consorziate per il grande contributo. Confidiamo di poter essere operativi con la struttura informatica e la rete sul territorio già a inizio anno, per poter poi procedere al ritiro a cominciare dal secondo trimestre 2018. Nel frattempo auspichiamo l’iscrizione al consorzio di altri soggetti interessati”, conclude Osculati.
Come nel caso dei beni destinati allo smaltimento, sarà previsto un eco contributo, separato dal costo del prodotto e pagato all’acquisto, che andrà a sostenere le operazioni di ritiro e trattamento. Per il solo trasporto di questi rifiuti si rende necessaria la predisposizione di un apposito contenitore omologato.
Viene così finalmente trovata una soluzione per lo smaltimento dei fuochi di soccorso scaduti, prevalentemente utilizzati in ambito nautico e navale, ma anche ferroviario.  
Le unità da diporto devono avere, ad esempio, una dotazione di sicurezza che comprende i cosiddetti segnali di soccorso: razzi a paracadute, fuochi a mano e boette fumogene galleggianti (Regolamento di attuazione del Codice della Nautica da diporto). Il termine di validità dei segnali di soccorso è fissato in quattro anni, raggiunti i quali il prodotto deve essere necessariamente sostituito.
Lo smaltimento dei fuochi di soccorso scaduti ha sempre creato non pochi problemi per l’individuazione dei punti di conferimento (i rivenditori erano tenuti a ritirarli ma poi per loro si aprivano problemi di stoccaggio e altri impedimenti normativi).
Ora anche a questo particolare segmento di prodotto a fine vita si è trovata una soluzione.



Da 30 anni in campo per l’economia circolare
In trent’anni di attività Cobat ha avviato al riciclo ben 5 milioni di tonnellate di rifiuti tecnologici. E anche il 2017 è stato un anno positivo.
Economia Circolare
Le aziende manifatturiere stanno affidando agli istituti di ricerca la progettazione dei loro prodotti non solo per conseguirne facilità ed efficacia nel loro impiego, ma anche per garantire il recupero dei materiali che li compongono quando non saranno più utilizzabili.
Con Sammontana il gelato è amico dell’ambiente
Prodotti sani, consumi energetici minimi, riciclo di materiali e imballaggi, iniziative ecologiche in scuole e spiagge. Questa la scelta green della celebre azienda del Barattolino.
Neda Ambiente fvg
“Il gruppo e l’innovazione sono la nostra forza”
Vincenzo Grieco Pullé, detto Annibale, è l’amministratore delegato di Neda Ambiente FVG: “Investiamo nella formazione, nella tecnologia e nelle risorse umane”.
“L’Italia può guidare l’Europa nella sostenibilità”
Intervista al nuovo presidente di Legambiente Stefano Ciafani. Con lui abbiamo parlato del Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare e delle battaglie della sua associazione.
Obiettivo Terra 2018: grandiosa immensità
Le Tre Cime di Lavaredo vincono il concorso “Obiettivo Terra”. Bellissime le foto in gara:
un omaggio alla meraviglia della natura.
Nasce il Circular
Economy Network
Tredici grandi aziende e consorzi alleati
della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile
per promuovere economia circolare,
buone pratiche e innovazione di sistema.
La gestione rifiuti
ha un ruolo chiave
nel cambiamento
Il libro parte da una riflessione critica sullo sviluppo sostenibile e propone un’interessante definizione dei fondamenti della green economy.
Le imprese
di fronte
all’emergenza
ambientale
Aziende e operatori del settore si sono confrontati in merito alle strategie da mettere in campo per minimizzare i rischi e incrementare la sostenibilità
La “Pallanuoto
per tutti”
insieme a
TRS Ecologia
“L’acqua, questo incredibile elemento attorno al quale ruota la vita, rende possibile l’impossibile"