Testo di: Gea Nogara
LIBRI SCELTI

Uno scenario in evoluzione
e tutto da esplorare

“Neomateriali nell’economia circolare” presenta una panoramica aggiornata sui materiali che stanno alla base del nuovo paradigma dell’economia circolare.
Ottantadue n°6 Dicembre 2017

Neomateriali nell’economia circolare
a cura di Anna Pellizzari, Emilio Genovesi


Edizioni Ambiente - 2017 - 208 pagine - Euro 28,00



Come scrivono gli autori nelle premesse “è in corso una svolta nello scenario delle materie prime che riforniscono la produzione industriale. Cambiano i materiali, cambiano le determinazioni economiche e in breve tempo può cambiare il rapporto con le risorse primarie e il patrimonio naturale. Un elemento centrale di questo cambiamento risiede nella comparsa sul mercato di nuovi materiali che definiremo circolari... l’implementazione dell’economia circolare in pratiche e processi industriali è uno scenario aperto e tutto da esplorare. In questo spazio aperto si può dunque sviluppare una grande ricchezza di opportunità tecnologiche e produttive, ma anche di creatività, designer e servizi in cui il materiale assume grande centralità”.
“Neomateriali nell’economia circolare” presenta una panoramica aggiornata sui materiali che stanno alla base del nuovo paradigma dell’economia circolare. Un focus sulle straordinarie prestazioni di nuove materie prime, rinnovabili o rinnovate, che offrono caratteristiche sempre più simili a quelle dei materiali tradizionali, pur essendo prodotte con un impatto ridotto sulle risorse naturali. L’utilizzo di questi “materiali circolari” sta cambiando il volto di molte industrie.
Nella prima parte del volume gli autori prendono in esame materiali e relativi processi, suddivisi in tre categorie. Si comincia con i “bio-based”, materiali che imitano i cicli naturali del regno vegetale e animale. La seconda è quella dei “neo-classici”, tutti quei materiali riciclati che sono ormai entrati in svariati processi produttivi. L’ultima categoria è quella degli “ex novo”, processi di riciclo e valorizzazione della materia posizionati al termine dei cicli di produzione.
Nella seconda parte della pubblicazione vengono presentate le caratteristiche e i possibili sviluppi delle filiere produttive di acciaio, alluminio, bioplastica, calcestruzzo, carta, legno, plastica, pneumatici e vetro: materiali che appartengono a settori più o meno “tradizionali” ma soggetti a innovazioni sorprendenti, anche grazie a processi e tecnologie che ne hanno esteso le applicazioni, consentendone uno sfruttamento più intelligente e senza sprechi.
Il volume si chiude con una serie di casi studio, storie esemplari di aziende e imprenditori che nel nostro Paese inventano, producono e commercializzano i materiali della nuova economia.
“Neomateriali nell’economia circolare” è il primo di una serie di volumi dedicati all’“innovazione circolare” in specifici settori delle attività produttive, e che compongono una collana di testi di approfondimento legati ai temi della rivista Materia Rinnovabile/Renewable Matter, magazine internazionale che documenta i cambiamenti nei rapporti tra risorse, economia e società.
Già in catalogo Edizioni Ambiente il secondo volume Neomateriali nell’economia circolare - Moda - euro 35,00.




Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.