Testo di: Matteo Filacchione
PUNTO COBAT

Gisca Ecologica per una Sardegna più green

“Per conto del Consorzio raccogliamo pile, batterie e accumulatori industriali. La gente ha capito che anche gli scarti, se riciclati in modo corretto, possono avere un valore”.
Ottantadue n°6 Dicembre 2017

Difendere l’ambiente è una mission di grande importanza, una priorità per tutte le imprese che vogliono guardare al futuro. In Sardegna, viste le caratteristiche naturali del territorio isolano circondato da un mare meraviglioso, lo è forse ancora di più.
Lo sa bene Gisca Ecologica, Punto Cobat con impianti a Olbia e a Sassari, impegnata da quasi 30 anni nel corretto smaltimento e recupero di rifiuti speciali, comprese pile e accumulatori. Un’azienda diventata leader nel settore a livello regionale, dopo essere stata avviata nel 1990 da Gerlando Giuliani, suocero dell’attuale direttore Tonino Salaris. Nell’impresa lavorano anche, con ruoli dirigenziali, Silvia e Rossella Giuliani, figlie del fondatore, insieme a uno staff di 14 dipendenti.
“Gisca Ecologica è stata la prima azienda in Sardegna a occuparsi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali, pericolosi e non - conferma il direttore Salaris - Negli anni questa attività si è allargata a settori affini e strettamente collegati, come la raccolta di filtri olio e aria, stracci e morchie, imballaggi contaminati, toner, contenitori a pressione vuoti, batterie e accumulatori. L’evoluzione delle normative e della tecnica ha imposto un continuo aggiornamento e la conseguente certificazione dei processi che adottiamo. Il nostro lavoro si inquadra nell’ampio contesto nazionale della gestione integrata dei rifiuti coordinata dai consorzi con i quali collaboriamo. Raccogliamo per conto di Cobat pile, batterie, accumulatori industriali, tutti rifiuti potenzialmente molto dannosi per l’ambiente, che possono e devono essere riciclati. Come Punto Cobat lavoriamo per tutto il nord della regione, in particolare per i territori di Sassari e Nuoro”.
Gisca Ecologica rappresenta dunque il presidio a difesa dell’economia circolare in una delle isole più belle d’Italia e d’Europa.
L’attenzione di cittadini e industrie verso il riciclo dei materiali è aumentata, anche in Sardegna. “È stata portata avanti un’importante opera di sensibilizzazione verso questi temi - continua Tonino Salaris - La gente ha capito che anche rifiuti come le batterie devono essere smaltiti in maniera corretta, che piombo e altre componenti non solo sono pericolosi per l’ambiente, ma possono anche essere riutilizzati e quindi avere un nuovo valore. Sempre più persone e ditte si rivolgono alle aziende autorizzate per lo smaltimento. Noi abbiamo anche promosso incontri nelle scuole per sensibilizzare le nuove generazioni sul tema del corretto riciclo dei rifiuti”.
Ci sono però vincoli e problematiche nello smaltimento degli scarti, quelli di un certo tipo non possono essere riciclati direttamente in Sardegna. “Confermo, la Sardegna ha questa peculiarità che presenta aspetti problematici - prosegue il direttore di Gisca Ecologica - Alcune tipologie di rifiuti speciali pericolosi non vengono direttamente smaltiti e trattati in loco. Parliamo degli oli minerali, delle batterie e anche degli oli vegetali. Questi scarti vengono raccolti e portati negli impianti di rigenerazione fuori dalla Sardegna, con spese notevoli per le aziende sarde. Occorre infatti eseguire delle pratiche specifiche per gli imbarchi, avere attestazioni da parte di laboratori chimici per definire esattamente il rifiuto da trasportare. La situazione rispetto ad altre regioni d’Italia da noi è dunque un po’ penalizzante. In altre regioni si viaggia via terra, noi dobbiamo attraversare il mare. Certo garantiamo una maggiore tutela dell’isola e del mare - incalza Salaris - ma il problema dei costi rimane. Speriamo che le istituzioni tengano conto di questo, allo scopo di aiutare le aziende che operano in modo virtuoso a tutela dell’ambiente”.
Nella sua attività di recupero e smaltimento rifiuti, Gisca Ecologica lavora con meccanici, cantieri navali, ristoranti e altre imprese, recuperando inoltre direttamente nelle piattaforme ecologiche rifiuti speciali e non, a partire proprio dalle batterie. Il Punto Cobat di Olbia e Sassari ha inoltre intenzione di attivarsi anche per il recupero dei RAEE. In occasione della tappa sarda del tour Panorama d’Italia, Tonino Salaris ha parlato dell’esperienza della sua azienda quale esempio di eccellenza imprenditoriale nel settore ambientale in una regione che sta dando significativi segnali di ripresa economica.
“Noi abbiamo notato che soprattutto a partire da fine 2016 e inizio 2017 il lavoro è incrementato in modo significativo - sottolinea il direttore di Gisca Ecologica - Perché questo? Forse perché si è sviluppato maggiormente il turismo e migliora l’economia più in generale. Noi abbiamo sott’occhio la raccolta dei rifiuti. Vediamo che i ristoranti stanno lavorando di più, dunque conferiscono molto di più, a partire dagli oli vegetali. Lo stesso vale per le officine meccaniche con i loro scarti. Se aumentano consumi e riciclo dei rifiuti, significa insomma che una ripresa c’è”.
Per ultimo, ma non per importanza, il tema della “Politica integrata” alla quale l’azienda delle famiglie Giuliani e Salaris tiene molto. “Alla base della nostra filosofia imprenditoriale c’è la volontà di fornire un servizio in grado di soddisfare le specifiche esigenze della clientela, garantendo la salute e la sicurezza sul lavoro ai propri dipendenti, e operando sempre nel rispetto dell’ambiente - spiegano i dirigenti di Gisca Ecologica - In quest’ottica l’azienda ha implementato un sistema di gestione conforme agli standard del sistema Qualità Sicurezza Ambiente (QSA) per la raccolta, il trasporto, il deposito preliminare e la messa in riserva di rifiuti speciali. Puntiamo inoltre al miglioramento della gestione dei rifiuti prodotti e al controllo del consumo di risorse idriche ed energetiche”.
Per difendere il suo splendido territorio, la Sardegna può dunque contare su Gisca Ecologica.


e-mob,
l’Italia che sarà
Il tema di E-Mob 2018 è il “movimento
dal basso”: la rivoluzione dei veicoli
green parte infatti dalle città.
Dai Comuni incentivi per il loro utilizzo.
Con le aziende sane
contro gli ecoreati
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Bre.Be.Mi, la prima autostrada elettrica
L’autostrada A35 Brescia-Milano sarebbe pronta al debutto elettrico in un anno.
È il primo progetto italiano di “grande arteria”
a zero emissioni per il trasporto merci.
ANCO in prima fila per l’economia circolare
Sul Lago Maggiore la convention dell’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi. Cresce in modo significativo
la quantità di rifiuti speciali avviati al recupero.
La sostenibilità viaggia sui veicoli Scania
Italscania porta nel nostro Paese la filosofia green della multinazionale scandinava: camion non inquinanti, autobus elettrici e siti produttivi a basso consumo energetico.
“Meno burocrazia
per aiutare le imprese green”
Venanzieffe è un punto di riferimento per l’economia circolare in Lombardia. L’amministratore unico Franco Venanzi:
“Servono leggi più chiare e tempi più brevi”.
La plastica ha
ancora un futuro?
Un mondo free plastic forse è utopico. Solo in Europa il settore conta 1,5 milioni di occupati e affari per 340 miliardi l’anno. Ma un uso più limitato e consapevole diventa indispensabile.
Prime vittorie
contro i crimini ambientali
In italia crescono gli arresti per i reati contro l’ambiente e le inchieste sui traffici illeciti
di rifiuti. Le recenti normative si stanno
dimostrando efficaci
Un interessante studio sui materiali e i processi produttivi
L’automobile sta affrontando il viaggio più complesso della sua esistenza.
E nei materiali che la compongono - nella loro durevolezza, riciclabilità e rinnovabilità
- si nasconde la risposta sul suo futuro.
Circular Economy, continuano i corsi per giornalisti
Prossimo appuntamento il 15 novembre a Roma, presso la sede di Società Umanitaria. Quest’anno focus sul Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare.