COBAT INFORMA

Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente

I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.
Ottantadue N°1 marzo 2018

Cambio al vertice di Legambiente. L’Assemblea dei delegati, che si è riunita nella sede centrale di Roma, ha eletto Stefano Ciafani nuovo presidente nazionale e Giorgio Zampetti neo direttore generale dell’associazione ambientalista. Al loro fianco Vanessa Pallucchi in qualità di vicepresidente, e Serena Carpentieri, nuova vicedirettrice. Confermati nel gruppo dirigente apicale Edoardo Zanchini vicepresidente nazionale e Nunzio Cirino Groccia amministratore. Le nuove elezioni, a poco più di due anni dal X Congresso nazionale di Milano, arrivano a seguito delle dimissioni a fine 2017 di Rossella Muroni, eletta parlamentare di Leu in Puglia nelle recenti elezioni politiche.  
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato. Tra gli altri obiettivi da perseguire: la lotta all’inquinamento e alle disuguaglianze, la costruzione di un modello economico alternativo a quello attuale, l’allargamento della rete associativa e delle alleanze. Sono temi centrali che per Legambiente ben sintetizzano le sfide che il Paese dovrà affrontare nel prossimo futuro: dalle politiche climatiche e urbane alla mobilità nuova e sostenibile, dallo stop al consumo di suolo alla lotta all’abusivismo edilizio, dalla promozione del turismo di qualità al contrasto al marine litter.
“Sullo scenario internazionale - dichiara il presidente Stefano Ciafani - i temi ambientali sono sempre più centrali per fronteggiare le emergenze e per riconvertire l’economia in chiave ecologica, come è evidente anche dalla recente svolta in Cina. In Italia questo non sta ancora avvenendo come dimostrano anche le ultime agende governative e il dibattito politico della campagna elettorale appena conclusa. Eppure, nonostante i cronici problemi ambientali e di illegalità che oggi si possono combattere coi nuovi strumenti previsti dalla legge sugli ecoreati, il nostro Paese può vantare tra i cittadini, le istituzioni e le imprese numerose esperienze di innovazione sociale, gestionale e tecnologica che utilizzano la tutela dell’ambiente come leva per il cambiamento. Continueremo a praticare la nostra idea di ambientalismo scientifico e popolare per cercare nuovi alleati in attesa che si concretizzi il percorso di rigenerazione ambientale e sociale su tutto il territorio nazionale”. Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore generale Giorgio Zampetti: “Legambiente è una delle esperienze più straordinarie di cittadinanza attiva e presidio del territorio, un’associazione utile al Paese. Utile perché capace di futuro, perché aperta ai tanti cittadini e volontari che vorranno unirsi a noi per contribuire a rendere migliore il mondo in cui viviamo”.


e-mob,
l’Italia che sarà
Il tema di E-Mob 2018 è il “movimento
dal basso”: la rivoluzione dei veicoli
green parte infatti dalle città.
Dai Comuni incentivi per il loro utilizzo.
Con le aziende sane
contro gli ecoreati
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Bre.Be.Mi, la prima autostrada elettrica
L’autostrada A35 Brescia-Milano sarebbe pronta al debutto elettrico in un anno.
È il primo progetto italiano di “grande arteria”
a zero emissioni per il trasporto merci.
ANCO in prima fila per l’economia circolare
Sul Lago Maggiore la convention dell’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi. Cresce in modo significativo
la quantità di rifiuti speciali avviati al recupero.
La sostenibilità viaggia sui veicoli Scania
Italscania porta nel nostro Paese la filosofia green della multinazionale scandinava: camion non inquinanti, autobus elettrici e siti produttivi a basso consumo energetico.
“Meno burocrazia
per aiutare le imprese green”
Venanzieffe è un punto di riferimento per l’economia circolare in Lombardia. L’amministratore unico Franco Venanzi:
“Servono leggi più chiare e tempi più brevi”.
La plastica ha
ancora un futuro?
Un mondo free plastic forse è utopico. Solo in Europa il settore conta 1,5 milioni di occupati e affari per 340 miliardi l’anno. Ma un uso più limitato e consapevole diventa indispensabile.
Prime vittorie
contro i crimini ambientali
In italia crescono gli arresti per i reati contro l’ambiente e le inchieste sui traffici illeciti
di rifiuti. Le recenti normative si stanno
dimostrando efficaci
Un interessante studio sui materiali e i processi produttivi
L’automobile sta affrontando il viaggio più complesso della sua esistenza.
E nei materiali che la compongono - nella loro durevolezza, riciclabilità e rinnovabilità
- si nasconde la risposta sul suo futuro.
Circular Economy, continuano i corsi per giornalisti
Prossimo appuntamento il 15 novembre a Roma, presso la sede di Società Umanitaria. Quest’anno focus sul Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare.