Testo di: Redazione Cobat

Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic

Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Ottantadue N°1 marzo 2018

Sostenibilità e cura dell’ambiente sono i valori che hanno spinto Novomatic Italia a lavorare per ottenere la certificazione ambientale ISO 14001:2015. L’obiettivo è stato raggiunto, a dimostrazione dell’attenzione rivolta dall’azienda verso una serie di importanti requisiti di ecosostenibilità, una sensibilità green che le ha permesso di posizionarsi tra le società più virtuose sul mercato. 
Il Gruppo Novomatic è uno dei maggiori operatori di gioco al mondo, e impiega più di 28.000 dipendenti nei diversi stati in cui è presente con oltre 50 sedi. Dal quartier generale di Gumpoldskirchen, in Austria, esporta le proprie apparecchiature e soluzioni hi tech in ben 80 mercati. È attivo con oltre 235mila terminali di gioco nei suoi circa 1.600 punti vendita e centri di noleggio.
Approdata nel nostro Paese nel 2007, nel 2014 l’azienda ha assunto la denominazione di Novomatic Italia. Oggi mostra uno sviluppo costante su tutto il territorio nazionale, ha superato i 2.500 lavoratori e contrattualizzato i 12 concessionari autorizzati dai Monopoli di Stato.
Il conseguimento della certificazione ISO 14001:2015 da parte di Novomatic Italia, Novomatic Italia Services, Admiral Gaming Network, Admiral Interactive e Admiral Games per le sedi principali di Roma, Rimini e Busto Arsizio, si inserisce nell’ambito di un progetto integrato che permette al Gruppo di realizzare contemporaneamente il miglioramento delle performance aziendali, misurando gli effetti ambientali della propria attività, e rendendo più efficace la gestione della salute e il contrasto dei rischi per i dipendenti. In generale, ogni certificazione è un biglietto da visita con il quale l’azienda si presenta al mercato e, nel caso di Novomatic, assicura un posizionamento ancora più autorevole e riconoscibile del marchio su prodotti e materiali.
Nel dettaglio, il certificato ISO 14001:2015 di Novomatic Italia spa, consegnato ufficialmente al CEO di Novomatic Italia Massimo Ruta il 16 ottobre scorso dall’ente certificatore TÜV Italia, è un supporto fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità, e garantisce il valore dell’impegno profuso nella salvaguardia dell’ambiente da parte del gruppo. Anche per questo Novomatic è diventata partner di Cobat: la collaborazione con il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo riguarda la corretta gestione dei rifiuti tecnologici e il recupero di materiali.
L’attenzione nei confronti di ecologia e sostenibilità spinge Novomatic ad analizzare e controllare il proprio impatto ambientale - diretto o indiretto - e ad investire risorse nell’ottica della prevenzione di eventuali incidenti, della riduzione dei costi di esercizio, e a rispondere in maniera rapida alle emergenze. Di conseguenza la certificazione del Sistema di Gestione Ambientale rappresenta una scelta strategica perché può assicurare ritorni economici, e favorire il miglioramento dei rapporti con le Autorità pubbliche e di controllo, e con gli enti locali, tutti protagonisti dello scenario italiano del gioco pubblico, mercato di riferimento per Novomatic.
Lo Standard ISO 14001 permette inoltre di potenziare le relazioni con le autorità preposte ai controlli di carattere ambientale, in quanto assicura il rispetto della normativa vigente e il ridimensionamento del rischio ambientale grazie all’efficienza nella gestione delle risorse e nel corretto smaltimento dei rifiuti. 
Un ulteriore passaggio, quello appena compiuto con la ISO 14001:2015 nella sua più recente versione, che garantisce al Gruppo Novomatic Italia standard di sviluppo e aggiornamento fondamentali, all’avanguardia rispetto a quelli delle altre aziende del Gruppo presenti in Europa con pari livelli di certificazioni ottenute negli anni passati con requisiti meno stringenti.

Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.