Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

Testo di: Giancarlo Morandi, Presidente Cobat
EDITORIALE

Meno lacci e lacciuoli alla green economy

I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ottantadue N°1 marzo 2018

“l’Italia è sempre stata esemplare nel fare della limitatezza delle risorse una risorsa e questo è l’orizzonte dell’economia circolare”. Così il primo ministro Paolo Gentiloni alla Green Week di Trento. Il premier ha proseguito dicendo: “In un quadro non privo di contraddizioni siamo competitivi rispetto ai grandi Paesi europei. Siamo messi piuttosto bene sull’efficienza energetica, sul riciclo dei rifiuti, siamo molto avanti rispetto a Germania e Francia come quota di rinnovabili e come utilizzo delle materie seconde”.
Quanto asserito dal primo ministro corrisponde a verità, anzi vogliamo anche ricordare che nel settore del riciclo dei materiali noi siamo primi in Europa.
Quanto è stato fatto dalle imprese italiane è sempre stato la conseguenza di politiche aziendali lungimiranti che sono state capaci di comprendere i problemi dei mercati e le nuove opportunità che le tecnologie hanno messo a disposizione.
Certo l’Italia è stata esemplare per quanto riguarda il suo tessuto imprenditoriale ma purtroppo molto meno per ciò che concerne gli indirizzi politici dei Governi nazionali.
Salvo che nel caso del fotovoltaico i risultati dell’economia italiana nei settori green è stata ottenuta nonostante l’Amministrazione Pubblica e le sue decisioni.
Basta pensare all’attuale situazione in cui versa a Treviso un’impresa all’avanguardia nel riciclo di un prodotto, che con le sue 900.000 tonnellate all’anno intasa le nostre discariche, impresa che non riesce a commercializzare i prodotti che vengono recuperati per la mancanza dei riconoscimenti del caso da parte delle autorità pubbliche competenti.
Basta pensare quante volte negli ultimi anni si sono presi provvedimenti di legge senza il coinvolgimento reale, e non semplicemente formale, degli operatori della green economy, e a quante volte si sono alzati inutili impedimenti amministrativi all’operatività delle aziende impegnate a garantire al Paese uno sviluppo sostenibile da un punto di vista ambientale e sociale.
Saprà il nuovo Governo che i partiti dovranno sostenere dopo le passate elezioni, saprà questo Governo riconoscere il lavoro svolto dalle aziende della green economy e dunque in qualche modo sostenerlo senza costruire nuovi lacci e lacciuoli come purtroppo fatto sinora?
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare che, partendo dalla responsabilità estesa dei produttori, possa garantire all’umanità che popola il nostro pianeta uno sviluppo diffuso, lontano dai cupi scenari alla Blade Runner, uno sviluppo capace di rendere le nostre vite sempre più salubri ed in armonia con tutto l’ambiente sociale e naturale che ci circonda.

l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.