Testo di: Gea Nogara
LIBRI SCELTI

La gestione rifiuti
ha un ruolo chiave
nel cambiamento

Il libro parte da una riflessione critica sullo sviluppo sostenibile e propone un’interessante definizione dei fondamenti della green economy.
LA TRANSIZIONE ALLA GREEN ECONOMY
A cura di Edo Ronchi
Edizioni Ambiente - Aprile 2018 - pag. 216 - euro 18,00


Ottantadue n°2 Maggio 2018

In occasione dei primi dieci anni di attività della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, attingendo al patrimonio di studi e ricerche accumulato e a una vasta bibliografia internazionale, Edo Ronchi ha dato alla stampa “La Transizione alla green economy”, il libro parte da una riflessione critica sullo sviluppo sostenibile e propone un’interessante definizione dei fondamenti della green economy. Insieme, offre un robusto quadro di riferimento sui cambiamenti in atto in direzione green e delle condizioni che possono favorirli o rallentarli: politiche pubbliche, eco-innovazione, finanza verde, imprese. Analizza quindi le trasformazioni in corso nei settori chiave della transizione in Italia: energia, agricoltura, manifattura, costruzioni, rifiuti, trasporti e turismo. Con una riflessione finale sul ruolo centrale delle città.
In merito alla gestione dei rifiuti, nella sua introduzione, Ronchi sottolinea come “la gestione dei rifiuti è una parte chiave del processo di cambiamento verso un’economia circolare. Per cambiare il modello economico è necessario ridurre la produzione di rifiuti quindi attivare politiche di prevenzione efficaci, e tagliare fino a minimizzare gli smaltimenti sviluppando fortemente il riciclo. Per sviluppare la circolarità delle risorse è necessario coinvolgere i produttori nella responsabilità estesa al ciclo di vita dei beni, indirizzandoli in modo adeguato a produrre meno rifiuti, quindi a progettare prodotti più durevoli, riparabili e riutilizzabili, in quantità minori perché destinati a utilizzi condivisi, e a riciclarli tutti, salvo solo il residuo tecnicamente non più riciclabile generato dal processo stesso del riciclo. La buona notizia è che il sistema di gestione dei rifiuti è già indirizzato sulla via della circolarità perché è già ben avviato sulla strada del riciclo. Dove però non mancano le difficoltà: dai ritardi nelle raccolte differenziate e le carenze impiantistiche in alcune regioni, alle carenze della normativa sulla cessazione della qualifica di rifiuti dopo il trattamento del riciclo (End of waste), dalle difficoltà che si incontrano ad assicurare flussi di rifiuti adeguati agli impianti di riciclo necessari per mantenere e sviluppare l’industria del settore, alle difficoltà tecniche e agli alti costi del riciclo di alcuni tipi di rifiuto”.
Il capitolo dedicato al tema rifiuti offre una approfondita analisi statistica e si apre con un dato più che allarmante da fonte UNEP: dal 1970 al 2017 l’uso mondiale di materie prime è cresciuto da 26,7 a 88,6 miliardi di tonnellate. Con un trend che potrebbe arrivare a 180 miliardi di tonnellate nel 2050.
È evidente che l’unica risposta di contenimento può giungere solo dalla scelta di un’economia circolare su scala mondiale.  


Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.