Nasce il Circular
Economy Network

Tredici grandi aziende e consorzi alleati
della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile
per promuovere economia circolare,
buone pratiche e innovazione di sistema.
Ottantadue n°2 Maggio 2018

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già all’inzio di maggio è nato il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque minerali ai pannolini passando per le multiutility. Obiettivo: promuovere lo sviluppo dell’economia circolare in Italia, elaborando proposte di policy e contribuendo alla diffusione di buone pratiche e all’innovazione di sistema.
Un’attività che poggia su un terreno fertile. L’Italia è già oggi al secondo posto in Europa nell’uso di materia proveniente da scarti: quasi 1 chilo di materia prima ogni 5 chili di materiali consumati viene dai materiali riciclati. Secondo l’indice di circolarità calcolato dalla Commissione Europea, il nostro Paese è a una percentuale del 18,5% contro il 26,7% del primo Paese riciclone, l’Olanda. Siamo più avanti della Francia (17,8%) e del Belgio (16.9%), mentre la Germania, con un tasso di appena il 10.7%, si posiziona al di sotto della media europea (11.4%).
“Il nostro Paese si colloca, per storia imprenditoriale e antica carenza di materie prime, in una posizione di eccellenza in questa vera e propria rivoluzione economica e produttiva che vedrà il nascere di una riprogettazione del design industriale, di nuovi prodotti e servizi, di nuove aziende, assieme ad un ulteriore salto di qualità nel riciclo dei rifiuti” afferma il presidente del Circular Economy Network Edo Ronchi. “Il nuovo pacchetto di direttive europee, la cui approvazione è prevista a giugno, potrebbe permettere all’Italia di raggiungere un indice di circolarità superiore al 30% al 2030”.
Una stima della Ellen Mc Arthur Foundation prevede per l’Europa un risparmio netto annuo fino a 640 miliardi di dollari sul costo di approvvigionamento dei materiali per il sistema manifatturiero europeo dei beni durevoli, pari al 20% circa del costo attualmente sostenuto. L’Italia, che è il secondo Paese manifatturiero del continente dopo la Germania - ma in posizione più avanzata sulla capacità di riutilizzo e riciclo - potrebbe trarre i massimi vantaggi economici dalla rivoluzione della circolarità. Vantaggi che si traducono anche in occupazione aggiuntiva: secondo le stime dell’Enea, una forte spinta verso l’economia circolare può creare fino a 540 mila posti di lavoro entro il 2030.
A costituire il gruppo fondatore e il comitato di coordinamento del Circular Economy Network sono aziende e consorzi che rappresentano un ampio ventaglio dell’imprenditoria italiana: Aitec (Associazione delle Industrie Cementiere), Burgo Group (settore cartario), Cobat (Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo), Co.Ge.Di (distribuzione dei prodotti a marchio Uliveto e Rocchetta), Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), Ecodom (Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici), Ecopneus (la Società consortile per il recupero degli pneumatici fuori uso), Fater (Joint venture tra Procter & Gamble e Gruppo Angelini per la produzione di pannolini da riciclo), Greenrail (Produzione di traverse ferroviarie da gomma e plastica da riciclo), GRT Group (Rigenerazione di plastica non riciclabile in carburante), Gruppo Hera (Multiutility dei servizi ambientali), Montello (Industria del recupero e riciclo), Novamont (Azienda della bioeconomia e delle bioplastiche).
A questo gruppo fondatore si stanno aggiungendo altri consorzi e aziende che parteciperanno all’assemblea del Network.


Le prime iniziative previste dal Circular Economy Network

Settembre 2018
Istituzione di un premio per le start-up più innovative
Novembre 2018
Partecipazione agli Stati generali della Green Economy a Ecomondo 
Febbraio 2019
Realizzazione del primo Rapporto annuale sullo stato dell’economia circolare in Italia 


Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.