Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Con le aziende sane
contro gli ecoreati

La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Ottantadue n°4 ottobre 2018

Può sembrare strano che una organizzazione come Cobat, che si occupa di economia circolare organizzando la logistica e i processi industriali del riciclo, abbia tanta attenzione ai reati che si commettono nel settore ambientale: quelli che vengono chiamati comunemente “ecoreati”.
In realtà questa attenzione ha invece molte motivazioni.
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali, con l’effetto evidente dal punto di vista sociale della perdita di tanti posti di lavoro e la dispersione di capacità imprenditoriali rispettose della legalità e dell’interesse generale.
Vi è poi un interesse della nazione Italia a far fronte agli obblighi internazionali anche nel settore ambientale e tutto ciò che viene organizzato in modo fraudolento, e dunque nascosto, non può certo far parte delle statistiche che riguardano l’attività di recupero e riciclo che il Governo deve documentare; rischiamo così di essere sottoposti a forti multe internazionali oltre a non avere credibilità in quelle sedi ove si discute del futuro dell’economia sostenibile.
Il non adempiere ai corretti obblighi ambientali riduce anche le risorse che il Paese potrebbe riutilizzare una volta effettuato l’opportuno riciclo e fa scomparire tanti posti di lavoro legati al settore impoverendo così tutto il Paese.
Ma certamente la motivazione più forte che dovrebbe esortare tutti ad essere capaci di perseguire chi compie gli ecoreati è che un ecoreato è, tra i delitti che l’uomo può compiere, il peggiore: certamente chi subisce direttamente un furto, una rapina, o un odioso imbroglio può ritenere di essere vittima di un torto immane e per i parenti di chi viene ucciso sarà certamente difficile pensare a un delitto più grave, ma il più odioso e vigliacco dei delitti è invece perpetrato da coloro che inquinando tolgono la vita a moltitudini di persone in un tempo senza confini: avvelenando l’acqua, l’aria, la terra si avvelenano tutti gli esseri viventi che hanno e avranno la sfortuna di vivere in quell’ambiente.
Dunque per un consorzio che ha fatto della sostenibilità ambientale la sua missione ideale scovare e far perseguire tutti coloro che offendendo l’ambiente ci tolgono una parte della nostra vita è un dovere morale prima ancora che aziendale.



e-mob,
l’Italia che sarà
Il tema di E-Mob 2018 è il “movimento
dal basso”: la rivoluzione dei veicoli
green parte infatti dalle città.
Dai Comuni incentivi per il loro utilizzo.
Con le aziende sane
contro gli ecoreati
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Bre.Be.Mi, la prima autostrada elettrica
L’autostrada A35 Brescia-Milano sarebbe pronta al debutto elettrico in un anno.
È il primo progetto italiano di “grande arteria”
a zero emissioni per il trasporto merci.
ANCO in prima fila per l’economia circolare
Sul Lago Maggiore la convention dell’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi. Cresce in modo significativo
la quantità di rifiuti speciali avviati al recupero.
La sostenibilità viaggia sui veicoli Scania
Italscania porta nel nostro Paese la filosofia green della multinazionale scandinava: camion non inquinanti, autobus elettrici e siti produttivi a basso consumo energetico.
“Meno burocrazia
per aiutare le imprese green”
Venanzieffe è un punto di riferimento per l’economia circolare in Lombardia. L’amministratore unico Franco Venanzi:
“Servono leggi più chiare e tempi più brevi”.
La plastica ha
ancora un futuro?
Un mondo free plastic forse è utopico. Solo in Europa il settore conta 1,5 milioni di occupati e affari per 340 miliardi l’anno. Ma un uso più limitato e consapevole diventa indispensabile.
Prime vittorie
contro i crimini ambientali
In italia crescono gli arresti per i reati contro l’ambiente e le inchieste sui traffici illeciti
di rifiuti. Le recenti normative si stanno
dimostrando efficaci
Un interessante studio sui materiali e i processi produttivi
L’automobile sta affrontando il viaggio più complesso della sua esistenza.
E nei materiali che la compongono - nella loro durevolezza, riciclabilità e rinnovabilità
- si nasconde la risposta sul suo futuro.
Circular Economy, continuano i corsi per giornalisti
Prossimo appuntamento il 15 novembre a Roma, presso la sede di Società Umanitaria. Quest’anno focus sul Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare.