Testo di: Redazione Cobat
COBAT INFORMA

Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019

Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Ottantadue n°5 Dicembre 2018

Il SISTRI, Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti, vide la luce nel 2010 con l’intento di attuare una semplificazione del processo di gestione e tracciabilità dei rifiuti ma riuscì ad entrare in vigore solo nel 2013 tra proteste, rinvii e malfunzionamenti.
Da allora i disagi per le imprese che trattavano i rifiuti pericolosi non sono mai finiti.
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si rivelò da subito un costoso e maldigerito flop.
Ora la notizia, già annunciata dal Ministro dell’Ambiente Costa all’inizio del suo mandato, è quasi certezza: dal primo gennaio 2019 il Sistri dovrebbe essere soppresso. Lo stabilisce l’articolo 23 della bozza del decreto Semplificazioni che sarà in esame al Consiglio dei Ministri: vi si specifica peraltro che i contributi a carico degli operatori, già previsti dalla Legge 78/2009 e dall’art. 7 del Decreto ministeriale 78/2016, non saranno più dovuti.
Ma rottamato il Sistri che accadrà? 
Sempre l’articolo 23 del DL Semplificazioni di prossima approvazione specifica che fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che sarà organizzato e gestito dal Ministero dell’Ambiente si torneranno a seguire le vecchie disposizioni pre Sistri: quindi registri, formulari e MUD di carta, fatta salva la possibilità di registro e formulario in formato digitale.
L’auspicio è che nel ripensare il nuovo metodo di controllo e tracciabilità possano essere messi “a sistema” le varie comunicazioni in formato digitale già esistenti senza ulteriori aggravi per le imprese, siano esse ore lavoro, software, oneri o balzelli vari.


Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.