Testo di: Redazione Cobat
COBAT INFORMA

Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019

Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Ottantadue n°5 Dicembre 2018

Il SISTRI, Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti, vide la luce nel 2010 con l’intento di attuare una semplificazione del processo di gestione e tracciabilità dei rifiuti ma riuscì ad entrare in vigore solo nel 2013 tra proteste, rinvii e malfunzionamenti.
Da allora i disagi per le imprese che trattavano i rifiuti pericolosi non sono mai finiti.
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si rivelò da subito un costoso e maldigerito flop.
Ora la notizia, già annunciata dal Ministro dell’Ambiente Costa all’inizio del suo mandato, è quasi certezza: dal primo gennaio 2019 il Sistri dovrebbe essere soppresso. Lo stabilisce l’articolo 23 della bozza del decreto Semplificazioni che sarà in esame al Consiglio dei Ministri: vi si specifica peraltro che i contributi a carico degli operatori, già previsti dalla Legge 78/2009 e dall’art. 7 del Decreto ministeriale 78/2016, non saranno più dovuti.
Ma rottamato il Sistri che accadrà? 
Sempre l’articolo 23 del DL Semplificazioni di prossima approvazione specifica che fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che sarà organizzato e gestito dal Ministero dell’Ambiente si torneranno a seguire le vecchie disposizioni pre Sistri: quindi registri, formulari e MUD di carta, fatta salva la possibilità di registro e formulario in formato digitale.
L’auspicio è che nel ripensare il nuovo metodo di controllo e tracciabilità possano essere messi “a sistema” le varie comunicazioni in formato digitale già esistenti senza ulteriori aggravi per le imprese, siano esse ore lavoro, software, oneri o balzelli vari.


Avviate al riciclo 140 mila tonnellate di rifiuti tecnologici
Alla presentazione del Rapporto Cobat a Roma è stato illustrato uno studio sui nuovi modelli di business che cambiano l’industria. Il futuro sarà caratterizzato da più elettronica e meno rifiuti.
Mille impianti per zero rifiuti
Vi sono degli imprenditori che hanno da tempo capito che produrre nuova materia prima o energia dai rifiuti è non solo importante dal punto di vista ambientale ma anche da quello sociale legato alla creazione di ricchezza per il Paese ed alla creazione di tanti nuovi posti di lavoro.
Thundervolt,
il tuono corre
sulle due ruote
Grande interesse per l’azienda produttrice di moto elettriche che guarda all’ambiente e al futuro. Oggi realizza veicoli che corrono solo in pista, ma è pronta ad aprirsi nuove strade.
“Esploriamo ogni orizzonte
per offrirti la luna”
Il messaggio è stato lanciato da Cobat durante Autopromotec. Alla fiera internazionale dell’automotive è stato presentato Cobat TYRE, il neonato consorzio specializzato nel riciclo di PFU.
Apriamo la strada
alla mobilità elettrica
Francesco Venturini, presidente di Motus-E e amministratore delegato di Enel X: “Il numero di auto elettriche è in aumento. Ora occorre insistere per avere una mobilità davvero sostenibile”.
A Obiettivo Terra
la bellezza
della natura
Premiate le foto più belle del concorso “Obiettivo Terra”, promosso da Fondazione Univerde con il sostegno di Cobat. La meraviglia di Parchi e Aree marine.
L’economia circolare? Un gioco da ragazzi
“La favola del riciclo” è la divertente pubblicazione realizzata all’interno del primo programma di realtà virtuale applicata alla circular economy proposto nelle scuole.
Dalla terra ai mari,
il flagello dei rifiuti plastici
Una contaminazione da plastica, microplastica & C. dalle proporzioni bibliche. Un flagello universale sottostimato per anni. Serve, come viene sottolineato nell’Atlante mondiale della zuppa di plastica, passare definitivamente dall’economia lineare a quella circolare.
OPERA2030, una piattaforma contro le fake news
La piattaforma si pone l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’attivismo civico, la diffusione delle buone pratiche e contrastare il fenomeno diffuso delle fake news
I 40 anni della
Nuova Ecologia,
rivista amica dell’ambiente
La Nuova Ecologia, storica rivista ambientalista, ha festeggiato i suoi primi quarant’anni