Testo di: Matteo Filacchione
SPECIALE ECOMONDO

Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro

De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
Ottantadue n°5 Dicembre 2018

Il sistema dell’autodemolizione verso il futuro. Massima tracciabilità volontaria”. Questo il tema del convegno nazionale della Confederazione Autodemolitori Riuniti, che si è tenuto al Grand Hotel di Rimini nella settimana di Ecomondo davanti a una platea di associati e operatori del settore come sempre numerosa. Alfonso Gifuni, presidente di C.A.R., e Claudio De Persio, direttore operativo di Cobat, hanno illustrato l’importante collaborazione e i servizi innovativi proposti dalla Confederazione e dal Consorzio per il fine vita dei veicoli. Come ricordato nel manifesto introduttivo all’assemblea, alla quale hanno preso parte anche diversi rappresentati delle forze dell’ordine e delle istituzioni, tutto deve ruotare intorno “all’Armonia tra i partner della filiera dei fine vita dei veicoli”. Più precisamente, quale messaggio vogliono lanciare i dirigenti di C.A.R. e quali sono le problematiche che il settore deve affrontare?
«Io avevo preparato un ragionamento più articolato, ma queste parole riassumono perfettamente il senso che vogliamo dare alla nostra assemblea annuale - risponde Alfonso Gifuni - La priorità deve essere quella di recuperare l’armonia tra tutte le parti della filiera. Se noi avessimo sempre agito all’insegna di questa sinergia, nella quale io credo profondamente, probabilmente tante piccole lacune ancora presenti nel nostro settore sarebbero già venute meno. Nel rapportarci al mondo delle istituzioni, nel dialogare in merito alle leggi non sempre chiare che riguardano da vicino gli autodemolitori, è necessario muoverci uniti. Prima dobbiamo confrontarci, poi fare sintesi e quindi sostenere in modo compatto la nostra tesi davanti all’interlocutore istituzionale affinché questo possa capire cosa modificare o aggiustare. Detto questo - incalza il presidente di C.A.R. - sono felice di confermare il nostro impegno per la massima tracciabilità volontaria delle componenti dei veicoli e la collaborazione con Cobat nel recupero dei materiali a fine vita». 
Un aspetto approfondito dal direttore operativo Claudio De Persio, intervenuto al convegno insieme al presidente del Consorzio, Giancarlo Morandi, e al direttore generale Michele Zilla. «Ormai da un anno Cobat e C.A.R. stanno lavorando a un progetto di tracciabilità dei veicoli giunti a fine vita e affidati ai demolitori in Italia - spiega De Persio - Si tratta di un progetto molto ambizioso. Abbiamo predisposto dei gestionali che ci permetteranno di avere una continuità nella tracciabilità dei veicoli dal momento in cui inizia il percorso di demolizione. Il servizio diventerà ufficialmente operativo dal prossimo anno, a gennaio, e interesserà anche i produttori/importatori d’auto, praticamente le case costruttrici che avranno la possibilità di verificare esattamente tutto quello che sta accadendo nell’ambito della demolizione dei veicoli delle loro marche. È un progetto estremamente importante, direi rivoluzionario. Non esiste altro in questo momento, credo neppure nel resto d’Europa, che possa permettere a una casa automobilistica di vedere così e in tempo reale cosa sta accadendo nel percorso di demolizione di ogni singolo mezzo. Il servizio permetterà agli autodemolitori - incalza il direttore operativo di Cobat - di essere totalmente trasparenti in modo da facilitare sia il loro lavoro sia quello degli organi chiamati a controllare l’attività di demolizione. Si avrà uno strumento di lavoro in più in grado di verificare in qualsiasi momento il tipo di rifiuto proveniente dal veicolo e la sua destinazione». 
L’elemento più im- portante per i produtto-ri/importatori sarà la possibilità, grazie ai dati raccolti, di raggiungere più facilmente gli obiettivi dettati dalla normativa di riferimento in materia di fine vita dei veicoli e riciclo dei materiali.


Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.