Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Avere o Essere

Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Ottantadue n°5 Dicembre 2018

Gli ultimi mesi dell’anno in corso vedono gli intellettuali di tutto il mondo occidentale impegnati in un dibattito completamente nuovo rispetto al passato.
Dagli Stati Uniti alla Francia, dal Brasile all’Italia la cultura occidentale si sta interrogando sull’attuale crisi che attraversa quasi tutti i paesi: una crisi che vede una grande parte, e a volte addirittura la maggioranza, della popolazione allontanarsi dalle proprie istituzioni. 
Ci si sente addirittura traditi dalle classi dirigenti che pure hanno assicurato, dopo la seconda guerra mondiale, una crescita continua e relazioni pacifiche almeno all’interno del mondo occidentale.
Si assiste ad un rancore diffuso verso chi ha avuto per anni responsabilità sia politiche che economiche e sociali senza valutare gli effettivi risultati conseguiti.
Se il dibattito su questo rancore è già di per sè complesso ancora più difficile è individuare la cura e le azioni che ogni paese dovrebbe mettere in campo.
The Economist, in un saggio pubblicato appositamente, ha tentato di definire il quadro generale oggi esistente prospettando alcune soluzioni che però sono sembrate troppo legate al panorama economico ed alle persone come soggetti e oggetti dell’economia.
Questa rivista, Ottantadue, non ha certo lo scopo di entrare in un simile dibattito ma almeno una considerazione che viene dalla missione ambientale del Consorzio che rappresenta va fatta.
I rappresentanti dei diversi partiti che hanno governato il mondo occidentale, sia quelli conservatori che quelli riformisti, non hanno mai affrontato il problema ambientale nella sua complessità.
Certo c’è stato qualcuno che si è occupato più di altri del problema dell’inquinamento, altri che hanno preso provvedimenti intelligenti a protezione dell’ambiente in cui gli uomini vivono, altri ancora che hanno investito su produzioni energetiche rinnovabili.
Purtroppo però nessuno ha rivisto il progetto di sviluppo del mondo che le proprie ideologie gli rappresentavano.
Ma oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo, abbandonare quello che le ideologie, sia liberali che socialiste, ci hanno sino a ieri proposto: oggi sappiamo che una continua crescita economica non è possibile.
Se vogliamo delle società in pace con se stesse dobbiamo far capire ad ogni individuo che è lo sviluppo della sua persona quello che dobbiamo conseguire, uno sviluppo che gli faccia sempre sperare nel conseguimento della felicità.


Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.