Testo di: Gea Nogara
LIBRI SCELTI

Dalla terra ai mari,
il flagello dei rifiuti plastici

Una contaminazione da plastica, microplastica & C. dalle proporzioni bibliche. Un flagello universale sottostimato per anni. Serve, come viene sottolineato nell’Atlante mondiale della zuppa di plastica, passare definitivamente dall’economia lineare a quella circolare.
Ottantadue n°2 Giugno 2019

Atlante Mondiale della zuppa di plastica

di Michiel Roscam Abbing
Edizioni Ambiente - Maggio 2019 - pag. 152 - euro 26,00

Una contaminazione da plastica, microplastica & C. dalle proporzioni bibliche. Un flagello universale sottostimato per anni, ignorato o solo sussurrato dalla politica e dai media e ora esploso in tutta la sua - pur inorganica - virulenza. Le norme approvate dal nostro paese e recentemente dall’Unione Europea basteranno? Probabilmente no. 
Troppo lunghi i tempi di entrata in vigore dei provvedimenti e non conosciute le misure radicali per bonificare il già troppo inquinato pianeta. 
Non solo sono necessarie norme a livello globale, serve la mobilitazione consapevole dei consumatori che possono determinare, per legge di mercato, il cambiamento. Servono scelte imprenditoriali forti per dare impulso alla diffusione delle bioplastiche biodegradabili, che potrebbero ormai sostituire molte delle plastiche convenzionali senza penalizzare la qualità dei prodotti.
Serve, come viene sottolineato nell’Atlante mondiale della zuppa di plastica, passare definitivamente dall’economia lineare a quella circolare. Dalla quarta di copertina: Da oltre settant’anni, le materie plastiche hanno un ruolo fondamentale nelle nostre vite. Purtroppo, quelle stesse qualità che le rendono così preziose per le nostre economie - le plastiche durano a lungo, sono estremamente versatili e costano pochissimo - si stanno rivelando disastrose per gli ecosistemi. La contaminazione da plastiche è ormai ubiqua, e oltre a fiumi, laghi e mari riguarda anche i suoli e persino l’aria: respiriamo, beviamo e mangiamo plastica, con impatti pesanti sulla salute e sul funzionamento degli ecosistemi.
Per fortuna, i segnali positivi non mancano, come dimostrano le norme approvate nel nostro paese sui sacchetti o quelle emanate dall’Unione Europea sulle plastiche monouso. È però ancora troppo poco, e il problema va affrontato passando da un’economia lineare basata sul monouso e lo spreco a una circolare incentrata sul riciclo, il riutilizzo e la valorizzazione delle risorse.
Solo così potremo risolvere quella che, assieme ai cambiamenti climatici, è oggi considerata la principale emergenza ambientale globale.


Nonostante il Mediterraneo rappresenti solo l’1% delle acque mondiali e gli sversamenti dall’Europa siano appena lo 0,4% del totale, le analisi mettono in evidenza che nelle acque dei nostri mari si concentra il 7% della microplastica globale. Questo perché il Mediterraneo è un mare chiuso, e di conseguenza le plastiche sversate si accumulano nel tempo fino a raggiungere in alcune zone concentrazioni paragonabili a quelle rilevate nella Great Pacific Garbage Patch.





Avviate al riciclo 140 mila tonnellate di rifiuti tecnologici
Alla presentazione del Rapporto Cobat a Roma è stato illustrato uno studio sui nuovi modelli di business che cambiano l’industria. Il futuro sarà caratterizzato da più elettronica e meno rifiuti.
Mille impianti per zero rifiuti
Vi sono degli imprenditori che hanno da tempo capito che produrre nuova materia prima o energia dai rifiuti è non solo importante dal punto di vista ambientale ma anche da quello sociale legato alla creazione di ricchezza per il Paese ed alla creazione di tanti nuovi posti di lavoro.
Thundervolt,
il tuono corre
sulle due ruote
Grande interesse per l’azienda produttrice di moto elettriche che guarda all’ambiente e al futuro. Oggi realizza veicoli che corrono solo in pista, ma è pronta ad aprirsi nuove strade.
“Esploriamo ogni orizzonte
per offrirti la luna”
Il messaggio è stato lanciato da Cobat durante Autopromotec. Alla fiera internazionale dell’automotive è stato presentato Cobat TYRE, il neonato consorzio specializzato nel riciclo di PFU.
Apriamo la strada
alla mobilità elettrica
Francesco Venturini, presidente di Motus-E e amministratore delegato di Enel X: “Il numero di auto elettriche è in aumento. Ora occorre insistere per avere una mobilità davvero sostenibile”.
A Obiettivo Terra
la bellezza
della natura
Premiate le foto più belle del concorso “Obiettivo Terra”, promosso da Fondazione Univerde con il sostegno di Cobat. La meraviglia di Parchi e Aree marine.
L’economia circolare? Un gioco da ragazzi
“La favola del riciclo” è la divertente pubblicazione realizzata all’interno del primo programma di realtà virtuale applicata alla circular economy proposto nelle scuole.
Dalla terra ai mari,
il flagello dei rifiuti plastici
Una contaminazione da plastica, microplastica & C. dalle proporzioni bibliche. Un flagello universale sottostimato per anni. Serve, come viene sottolineato nell’Atlante mondiale della zuppa di plastica, passare definitivamente dall’economia lineare a quella circolare.
OPERA2030, una piattaforma contro le fake news
La piattaforma si pone l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’attivismo civico, la diffusione delle buone pratiche e contrastare il fenomeno diffuso delle fake news
I 40 anni della
Nuova Ecologia,
rivista amica dell’ambiente
La Nuova Ecologia, storica rivista ambientalista, ha festeggiato i suoi primi quarant’anni