Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Mille impianti per zero rifiuti

Vi sono degli imprenditori che hanno da tempo capito che produrre nuova materia prima o energia dai rifiuti è non solo importante dal punto di vista ambientale ma anche da quello sociale legato alla creazione di ricchezza per il Paese ed alla creazione di tanti nuovi posti di lavoro.
Ottantadue n°2 Giugno 2019

NIMBY (Not In My Back Yard) non è certo la maggioranza degli italiani che conosce il significato dell’acronimo NIMBY, coniato negli anni Ottanta sulla sponda americana dell’Oceano Atlantico.
Eppure è la maggioranza degli italiani che di fatto ne mette in pratica il significato: tante sono oggi le comunità che pur riconoscendo la validità di un’opera non desiderano che questa venga realizzata nel territorio che le riguarda. Soprattutto nel campo della gestione dei rifiuti la contrarietà ad ospitare qualsiasi progetto che riguardi questo settore della vita sociale è fortissima.
È difficile convincere le comunità locali ad accettare sul proprio territorio qualsiasi tipo di impianto: anche se in Lombardia è ancora vivo il ricordo di quella comunità locale che si opponeva fermamente alla costruzione di un termovalorizzatore ma che fu condotta a cambiare idea da un semplice ragionamento.
L’amministratore regionale di turno in una sala gremita dagli esponenti della comunità locale disse che il problema si poteva risolvere facilmente: ogni famiglia che produceva rifiuti di qualsiasi tipo li avrebbe immagazzinati direttamente nella propria casa: veniva così a cadere il problema sociale. Data la chiara provocazione quasi tutti si convinsero che era necessario un impianto che risolvesse il problema di ognuno di loro.
Comunque in Italia è rimasto estremamente difficile creare strutture industriali che aiutino il riciclo o lo smaltimento di qualsiasi tipo di rifiuto.
Per fortuna vi sono degli imprenditori che hanno da tempo capito che produrre nuova materia prima o energia dai rifiuti è non solo importante dal punto di vista ambientale ma anche da quello sociale legato alla creazione di ricchezza per il Paese ed alla creazione di tanti nuovi posti di lavoro.
Ma creare una struttura industriale non richiede solo un investimento economico e la sua accettabilità territoriale, richiede anche una politica illuminata e lungimirante da parte degli organi dello Stato: senza una cornice legislativa adeguata è impossibile realizzare impianti avanzati che guardino al futuro, senza una puntuale definizione delle norme, senza una intelligente dinamica delle autorizzazioni è impossibile realizzare nel nostro Paese tutti quegli impianti che sono necessari a far sì che i rifiuti scompaiano dai nostri territori.
La ricerca scientifica da una parte, l’imprenditorialità dall’altra sono pronte a far sì che mille impianti annullino la presenta dei rifiuti nel nostro paese: la speranza è che chi ha il compito di indirizzare e guidare l’Italia verso la meta della liberazione dai rifiuti sia altrettanto pronto.




e_mob, a Milano
il festival della
mobilità elettrica
Dal 26 al 28 settembre si terrà a Milano l’evento nazionale dedicato ai veicoli non inquinanti: convegni, studi, esposizioni e una giornata riservata al popolo dell’elettrico.
Tra i promotori Class Onlus e Cobat.
Le batterie di accumulatori elettrici: queste sconosciute
Le attuali auto elettriche non sono il punto di arrivo della transizione verso una mobilità più attenta all’ambiente: appena saranno messi a punto nuovi accumulatori elettrici vedremo un’accelerazione ulteriore alla loro diffusione.
Auto elettrica alla soglia di un nuovo paradigma: ma il passaggio è lento e non mancano i detrattori
Le case automobilistiche annunciano nuovi modelli elettrici. I dati migliori di diffusione riguardano i Paesi Nordici dove sono state attuate misure efficaci di sostegno al mercato.
Filiera “e-mobility” un’occasione
di rilancio
e riconversione per
le imprese italiane
Entro il 2030 potrebbero essere oltre 10.000 le aziende “made in Italy” operanti nel settore della mobilità elettrica, per un fatturato di quasi 100 miliardi di euro.
Olimpiadi invernali
a impatto zero
I Giochi Olimpici di Milano-Cortina saranno un’occasione importante per promuovere la sostenibilità ambientale. Da e_mob una piattaforma di proposte per la mobilità green.
Economia circolare, la ricarica arriva dalle batterie al litio
Le batterie dei veicoli elettrici sono più difficili da trattare a causa dell’infiammabilità del litio, ma possono diventare un’opportunità se inserite in un percorso virtuoso di circular economy.
Auto elettriche d’altri tempi
È una storia che forse nessuno ricorda e pare incredibile ma nel 1900 il 34% delle vetture circolanti a New York, Boston e Chicago avevano un’alimentazione elettrica.
Un secolo record:
da 0 a 100 all’ora
Con lo sviluppo dell’elettrotecnica, nascono gli accumulatori al piombo acido che, dalla fine dell’Ottocento, alimentano le prime vetture elettriche. Una rivoluzione epocale.
Il summit degli avvocati sul diritto delle fonti rinnovabili
di energia
L’evento, realizzato anche grazie al supporto di Cobat, ha visto la partecipazione di importanti relatori che hanno fornito una panoramica a tutto tondo delle regole italiane in materia.
e-Mobility Festival
Milano
Palazzo della Regione
il 26 - 27 - 28 settembre

3^ Conferenza Nazionale della Mobilità Elettrica

- Smart City
- Micromobilità
- Sharing Mobility
- Mobilità Elettrica