Testo di: Redazione Cobat
COBAT INFORMA

Cobat è ufficialmente
certificata ISO 27001

Il consorzio ora è anche un’azienda certificata ISO 27001, il più importante standard internazionale sulla sicurezza delle informazioni. Un’ulteriore garanzia per tutti i partner.

Ottantadue n°4 - Novembre 2019

Cobat è ufficialmente un’azienda certificata 
ISO 27001, il più importante standard internazionale sulla sicurezza delle informazioni. Un’ulteriore garanzia per tutti i partner, con grandi vantaggi: la certezza che i dati sono al sicuro e vengono gestiti secondo le best practice internazionali e l’affidabilità data dalla business continuity di un consorzio in grado di continuare a fornire un servizio ai massimi livelli in qualsiasi condizione e congiuntura.
Il 15 ottobre 2019 l’organismo Certiquality ha emesso il documento che attesta che Cobat ha attuato e mantiene un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni conforme alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 27001:2017 per le attività di gestione dei sistemi informativi finalizzati all’erogazione di servizi di pianificazione e coordinamento delle attività di raccolta, trasporto e invio a riciclo dei rifiuti.
Questo cosa significa? “Vuol dire - spiega Michele Zilla, Direttore Generale Cobat - che il consorzio ha superato con successo i controlli indipendenti e qualificati dell’organismo di certificazione Certiquality, che ha attestato che la sicurezza di tutte le informazioni che i nostri partner ci affidano è gestita, monitorata, controllata e migliorata costantemente con un sistema all’avanguardia di processi, documenti, tecnologie e professionisti, attraverso una gestione del rischio efficiente. La certificazione ISO 27001 è coronamento di un lavoro di squadra proprio tra Cobat e i suoi partner ed è a loro disposizione come ulteriore marchio di garanzia che attesta la corretta ed efficiente gestione dei prodotti giunti a fine vita”.
Va ricordato che oltre alla certificazione ISO 2700, i partner Cobat possono contare su un consorzio già certificato UNI EN ISO 9001 per il Sistema di Gestione della Qualità e UNI EN ISO 14001 per il Sistema di Gestione Ambientale. 
Ogni anno, personale qualificato esamina la conformità a tali standard dopo essere stata sottoposta a una periodica supervisione su obiettivi e programmi da parte della direzione. Le performance ambientali Cobat nella gestione dei prodotti a fine vita che gli vengono affidati sono inoltre garantite dal modello comunitario di eco-gestione e audit EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), a cui imprese e organizzazioni aderiscono su base volontaria. 
Sempre su base volontaria, Cobat si è da anni dotato, in ottemperanza al D.Lgs. 231/01, di un Codice Etico e Comportamentale che rappresenta la sintesi dei propri principi guida. Tutto ciò è una garanzia di trasparenza e correttezza nella conduzione delle attività consortili, nonché una prevenzione dal rischio di reati e illeciti amministrativi.


Aziende sempre più green
per guardare al futuro
La grande partecipazione e i progetti illustrati a Ecomondo testimoniano l’impegno di imprese e istituzioni per l’economia circolare. Presenti ben 1.300 aziende e migliaia di buyers da 130 Paesi.
L’economia circolare
è l’unica salvezza
L’Europa ha già individuato da tempo una via sostenibile ambientalmente, socialmente ed economicamente ed i governi europei si apprestano a seguirla
obbligati dalla direttiva ad hoc.
“L’emergenza climatica
è già oggi”
Agli Stati Generali Green si è parlato di come contrastare i danni dovuti al riscaldamento globale. Edo Ronchi: “Dobbiamo decarbonizzare i trasporti e insistere con la green economy”.
Il fine vita dei veicoli e il ruolo delle batterie
“Il mondo dell’ELV: novità e prospettive” il tema del convegno al quale ha partecipato anche Luigi De Rocchi: “Cobat è pronto per il mercato del futuro, quello degli accumulatori al litio”.
Gli autodemolitori
chiedono leggi chiare
Molti gli argomenti affrontati da Alfonso Gifuni, presidente della Confederazione: “Servono regole certe e un’armonizzazione dei controlli alle dogane degli stati europei”.
Confronto sull’EPR,
“Niente paura”
A Ecomondo un workshop sulla nuova direttiva rifiuti legata alla responsabilità estesa dei produttori di AEE e pile. “Poche novità, ma un’occasione utile per migliorare il sistema”.
Social Football Summit, in gol
per l’ambiente
Allo Stadio Olimpico di Roma si è parlato di come il calcio, sport più seguito al mondo, possa promuovere innovazione, tecnologie green e sostenibilità. Presenti anche Cobat e Motus-E.
Il tempo del coraggio
Al forum Qualenergia di Roma si è parlato della necessità di riforme strutturali per favorire la transizione verso energie pulite, sia in Italia che in Europa, per contrastare l’emergenza climatica.
UTLAC, sport e turismo a impatto zero
Nel territorio lecchese si è tenuta l’edizione zero dell’Ultra Trail Lago di Como: segnaletica easy, zero plastica per i contenitori di cibi e bevande e altre mille attenzioni green.
Nel libro di Tomasi l’eccellenza italiana dei consorzi
Cercando l’ultima goccia ricostruisce, attraverso la testimonianza del suo Presidente, le vicende del Consorzio CONOU, dalla sua nascita fino ai giorni nostri.
Ancora troppe criticità nel riciclo dei rifiuti
Il settore dispone di tecnologie e di operatori dinamici ma fatica a operare in modo omogeneo sul territorio: è una macchina con un buon potenziale che non riesce a esprimere.