Testo di: Matteo Filacchione
E_MOB 2019

Jeep e nuova 500, FCA viaggia
in elettrico

Anche l’importante Casa automobilistica, per la prima volta ad e_mob, ha deciso di puntare sempre di più sui veicoli ad emissioni zero, dalle auto ai mezzi commerciali.
Ottantadue n°4 - Novembre 2019

Per la prima volta anche Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di partecipare a e_mob, confermando così l’importanza crescente della mobilità green a livello nazionale e internazionale. Uno stand con in bella vista la nuova 500 completamente elettrica e altri veicoli a emissioni zero che hanno catturato l’attenzione dei visitatori, oltre all’intervento dei propri rappresentanti in diversi convegni dedicati ai vantaggi legati alla mobilità sostenibile. Tra questi c’è anche la creazione di nuovi posti di lavoro. Nell’occasione abbiamo intervistato Roberto Di Stefano, Head of e_Mobility Emea Region FCA Italy, e Daniele Lucà, Head of e_Mobility Business Development Emea Region FCA Italy. I due dirigenti dell’importante azienda automobilistica hanno annunciato che nel 2020 verranno immessi sul mercato nuovi veicoli a emissioni zero. 
Roberto Di Stefano, anche voi avete deciso di investire nella mobilità elettrica? 
«Sì, abbiamo già degli esempi concreti di vetture non inquinanti e altri mezzi con queste caratteristiche sono prossimi ad arrivare sul mercato. Investire nella mobilità sostenibile e nei bisogni dei clienti in questo ambito significa investire non solo sui prodotti, ma anche nei servizi e in tutto ciò che serve per sostenere l’uso quotidiano dei veicoli a zero emissioni, compresa la rete di ricarica. Occorre impegnarsi in più ambiti ed FCA sta facendo la propria parte». 
Il 2020 sarà un anno importante per la vostra azienda e vedrà un potenziamento dell’offerta di veicoli green, quali nuovi modelli proporrete al pubblico?
«Il 2020 sarà l’anno in cui Fca inizierà a toccare tutta la gamma di prodotto elettrificando a vari gradi i veicoli. Cominceremo a inizio anno con le vetture ibride di segmento basso, e cioè Panda e Ypsilon. Tra primavera ed estate inizieremo a produrre, e dunque a lanciare, le plug-in hybrid di Jeep che saranno due, la Compass e la Renegade. Poi a metà anno avremo un altro momento importante: inizieremo infatti a commercializzare quella che tutti già chiamano la nuova 500, che sarà a “zero emission”. Dopodiché, verso fine anno, proporremo il veicolo commerciale, per noi strategico. Qui a e_mob potete vedere esposti due delle vetture citate: la nuova 500 e la Compass».
Quali azioni, secondo voi, devono intraprendere le istituzioni, il mondo delle imprese e più in generale quello della politica per favorire la diffusione di veicoli elettrici?
«Rispondo sintetizzando il tutto in una sola parola: semplificare. Oggi le regole rendono confusa per il cliente la possibilità di scegliere. Il cliente deve essere facilitato sia nell’acquisto o utilizzo del veicolo elettrico, sia nella possibilità di dotarsi di punti di ricarica privati. Attualmente in questo ambito siamo in presenza di una giungla. Troppe regole diverse e non sempre chiare. Stiamo lavorando insieme alle autorità e alle istituzioni, non solo noi di FCA ma tutti gli operatori del settore, per rendere più semplice e meno burocratico il processo di elettrificazione della mobilità in Italia».
Daniele Lucà, i veicoli elettrici sono competitivi sul mercato?
«Lo stanno diventando sempre di più, e la competitività di questi prodotti è sicuramente un obiettivo di FCA. Abbiamo investito, stiamo investendo e continueremo a farlo per portare sul mercato dei prodotti che possano essere appetibili anche economicamente per il cliente. Penso al prezzo di acquisto, ma non solo. Oltre al costo del veicolo è infatti molto importante guardare alle spese legate all’intero ciclo vita e all’utilizzo giornaliero dei mezzi a emissioni zero. Noi vogliamo ottimizzare questi aspetti ricordando che già di per sé le auto elettriche sono più convenienti rispetto a quelle alimentate a carburante per quanto riguarda la manutenzione delle componenti motore». 
Grazie all’elettrico potranno esserci dei vantaggi occupazionali?
«La produzione concentrata in Italia vedrà in particolare gli stabilimenti di Melfi e Mirafiori impegnati nell’ambito dei veicoli elettrici. Penso non solo alle automobili come Jeep e 500, ma anche ai furgoni dedicati ai trasporti commerciali. Confermo quindi che ci saranno investimenti e nuovi posti di lavoro nel nostro Paese grazie alle scelte aziendali a favore della mobilità sostenibile».



Aziende sempre più green
per guardare al futuro
La grande partecipazione e i progetti illustrati a Ecomondo testimoniano l’impegno di imprese e istituzioni per l’economia circolare. Presenti ben 1.300 aziende e migliaia di buyers da 130 Paesi.
L’economia circolare
è l’unica salvezza
L’Europa ha già individuato da tempo una via sostenibile ambientalmente, socialmente ed economicamente ed i governi europei si apprestano a seguirla
obbligati dalla direttiva ad hoc.
“L’emergenza climatica
è già oggi”
Agli Stati Generali Green si è parlato di come contrastare i danni dovuti al riscaldamento globale. Edo Ronchi: “Dobbiamo decarbonizzare i trasporti e insistere con la green economy”.
Il fine vita dei veicoli e il ruolo delle batterie
“Il mondo dell’ELV: novità e prospettive” il tema del convegno al quale ha partecipato anche Luigi De Rocchi: “Cobat è pronto per il mercato del futuro, quello degli accumulatori al litio”.
Gli autodemolitori
chiedono leggi chiare
Molti gli argomenti affrontati da Alfonso Gifuni, presidente della Confederazione: “Servono regole certe e un’armonizzazione dei controlli alle dogane degli stati europei”.
Confronto sull’EPR,
“Niente paura”
A Ecomondo un workshop sulla nuova direttiva rifiuti legata alla responsabilità estesa dei produttori di AEE e pile. “Poche novità, ma un’occasione utile per migliorare il sistema”.
Social Football Summit, in gol
per l’ambiente
Allo Stadio Olimpico di Roma si è parlato di come il calcio, sport più seguito al mondo, possa promuovere innovazione, tecnologie green e sostenibilità. Presenti anche Cobat e Motus-E.
Il tempo del coraggio
Al forum Qualenergia di Roma si è parlato della necessità di riforme strutturali per favorire la transizione verso energie pulite, sia in Italia che in Europa, per contrastare l’emergenza climatica.
UTLAC, sport e turismo a impatto zero
Nel territorio lecchese si è tenuta l’edizione zero dell’Ultra Trail Lago di Como: segnaletica easy, zero plastica per i contenitori di cibi e bevande e altre mille attenzioni green.
Nel libro di Tomasi l’eccellenza italiana dei consorzi
Cercando l’ultima goccia ricostruisce, attraverso la testimonianza del suo Presidente, le vicende del Consorzio CONOU, dalla sua nascita fino ai giorni nostri.
Ancora troppe criticità nel riciclo dei rifiuti
Il settore dispone di tecnologie e di operatori dinamici ma fatica a operare in modo omogeneo sul territorio: è una macchina con un buon potenziale che non riesce a esprimere.