Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

“I Punti Cobat
sono la nostra forza”

Il direttore operativo De Persio: ”Sono due le nostre armi vincenti: il know how del Consorzio e la rete dei Punti Cobat, una delle più efficienti e capillari a livello nazionale.
Occuparsi di turismo vuol dire occuparsi di ogni aspetto della società: vuol dire garantire una rete di trasporti adeguata, vuol dire obbligare i privati all’erogazione di servizi con costi corretti, ma soprattutto vuol dire avere una concezione del territorio che salvaguardi le nostre innumerevoli bellezze e peculiarità culturali.
Grazie alle sue caratteristiche ineguagliabili di leggerezza, resistenza e conducibilità il grafene potrebbe offrire soluzioni incredibili anche nel campo delle batterie.
La rivoluzione della mobilità sostenibile parte dal capoluogo lombardo. Cresce il numero di colonnine di ricarica e l’ingresso all’Area C è gratuito solo per i veicoli elettrici.
La multinazionale con sede a Tokio punta sempre di più su nuove tecnologie e prodotti all’avanguardia: dalle auto alle moto, dai robot ai jet.
L’azienda di San Donà di Piave guidata da Claudio Donè è un punto di riferimento da Venezia a Treviso: ”Nella gestione e recupero degli scarti rispondiamo alle diverse esigenze dei clienti”.
L’azienda della famiglia Guzzetta, importante Punto Cobat per il territorio siciliano, è leader nel commercio di rottami e nella raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali.
Il loro brevetto? Un sistema da installare sui satelliti prima del lancio nello spazio in cui un razzo riesce a dare una spinta gentile verso terra all’impianto orbitante giunto a fine vita.
La Corte Costituzionale ha dichiarato legittima la norma spalmaincentivi per il fotovoltaico. L’analisi di Stefania Gorgoglione, esperta in diritto dell’ambiente.
Summit con le case automobilistiche
per abbattere i costi
105 buone pratiche di efficienza energetica made in Italy a cura di Kyoto Club