Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori


Altan disegna l'ambiente

Presentate a Bologna le 25 folgoranti vignette green firmate dal maestro Altan. Sono il contributo di Cobat e Conou al dibattito del G7 Ambiente.
Ottantadue n°3 Giugno 2017

Folgoranti, ironiche e piene di saggezza: sono 25 vignette che raccontano la visione di Altan sulle tematiche ambientali. In occasione dei 40 anni di attività di uno dei più noti vignettisti italiani e in concomitanza con il G7 Ambiente, Cobat (Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo) e Conou (Consorzio Nazionale per la Gestione, la Raccolta e il Trattamento degli Oli Minerali Usati) si sono fatti promotori della Mostra “Altan disegna l’ambiente”, svoltasi dall’8 al 12 giugno presso la Fondazione Cineteca di Bologna.
È questo il contributo che Cobat e Conou - due eccellenze italiane nel mondo impegnate da oltre 30 anni sul fronte della sostenibilità ambientale - hanno deciso di offrire al dibattito che si è svolto a Bologna l’11 e il 12 giugno tra i ministri dell’Ambiente del G7.
In quella sede il Ministero dell’Ambiente ha portato le proposte da condividere con gli altri Paesi avanzati e con la Commissione Europea, in modo che il G7 potesse dare il contributo più significativo possibile all’attuazione dell’Agenda di Parigi sui cambiamenti climatici e all’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile.
Disegnatore colto ed eclettico, negli anni Francesco Tullio Altan si è occupato più volte di inquinamento, difesa dell’ambiente, effetto serra e scorie nucleari: in occasione della mostra i visitatori hanno potuto ammirare 24 “storiche” vignette, più una, inedita, realizzata appositamente per l’occasione in tiratura limitata, che il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha donato agli omologhi dei Paesi partecipanti al G7.
L’evento, a ingresso gratuito, è stato patrocinato da: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, G7 2017 Italia, G7 Ambiente, Regione Emilia Romagna, Città metropolitana di Bologna, Comune di Bologna e Università Alma Mater di Bologna

l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.