Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

Testo di: Matteo Filacchione
SPECIALE ECOMONDO

La mobilità
sarà elettrica

A Ecomondo la Conferenza Nazionale su città e trasporti sostenibili. Comuni e aziende investono sempre di più nelle auto elettriche. Nissan lancia un veicolo con 450 km di autonomia.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

Nel giro di un anno Nissan metterà sul mercato auto elettriche con un’autonomia di ben 450 chilometri”. Lo ha annunciato Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia, in occasione della Conferenza Nazionale su Mobilità e Trasporti sostenibili organizzata a Ecomondo. Al dibattito è intervenuto anche Cobat, illustrando il proprio impegno a favore delle auto elettriche, oltre ad assessori di grandi città e rappresentanti di case automobilistiche che credono nei veicoli a emissioni zero. Tra questi c’è Nissan. “Di fatto siamo stati tra i primi già nel 2010 a rendere il veicolo elettrico un veicolo di massa - ricorda Mattucci - Oggi siamo alla terza generazione di auto non inquinanti e stiamo per lanciare la nuova Nissan Leaf. Con l’elettrico il ruolo dei veicoli cambia rispetto a prima. Non è solo un mezzo di trasporto, ma può diventare un elemento fondamentale di ecosistemi più ampi - incalza l’amministratore delegato di Nissan Italia - Penso al ruolo che può giocare un’autovettura nel diventare un elemento di stoccaggio di energia, e quindi dare l’opportunità a chi produce energia di investire, per esempio, in fonti rinnovabili”. Per aprire la strada alla diffusione delle auto elettriche occorre però superare tre ostacoli. “Autonomia, costo del veicolo e infrastrutture - fa presente Mattucci - Dove siamo più indietro è proprio nelle colonnine di ricarica, in Italia troppo scarse. Sui primi due aspetti ci sono invece significativi passi avanti. L’auto elettrica mantiene un valore più elevato nel tempo, e noi stiamo lavorando per aumentare di molto l’autonomia tenendo i costi delle macchine inalterati”.
Abbattere i costi significa contenere al massimo quelli delle batterie, cuore pulsante dei veicoli green. E qui Cobat non ha perso tempo. “Il mercato dell’elettrico in Italia è ancora agli albori - sottolinea il presidente Giancarlo Morandi - eppure già nel 2020 dovrebbero essere immatricolate 11 mila auto elettriche tutte dotate di grandi batterie agli ioni di litio, difficili da riciclare, ma che possono diventare un’opportunità se inserite in un percorso virtuoso di economia circolare. Per allungare la vita a queste batterie, con Enel e Class Onlus, con il supporto di CNR e Politecnico di Milano, stiamo studiando un sistema per utilizzare gli accumulatori che, pur avendo ormai una capacità di carica troppo bassa per alimentare un’automobile, possono essere riutilizzati e riassemblati per lo stoccaggio di energia da fonti rinnovabili. E se proprio non potranno più venire riutilizzati - aggiunge il presidente Cobat - siamo al lavoro con il Consiglio Nazionale delle Ricerche per individuare una tecnologia ambientalmente ed economicamente sostenibile per riciclarli”. Come emerso nel dibattito all’Agorà Città Sostenibile, la partita della mobilità elettrica si gioca anche sul campo delle amministrazioni locali. Città e comuni possono fare molto, per esempio incentivando l’utilizzo di auto elettriche con l’apertura di spazi interdetti a veicoli a diesel o benzina, potenziando le colonnine di ricarica, e uniformando le normative in materia. In questo Milano rappresenta un esempio da seguire. “Dopo i primi risultati positivi riscontrati aprendo l’area C in centro solo ai veicoli a emissioni zero, vogliamo ora puntare sul trasporto pubblico - annuncia Marco Granelli, assessore alla Mobilità della Giunta Sala - La nostra società di gestione del trasporto pubblico ha appena acquistato 25 bus totalmente elettrici che si aggiungono ai 100 ibridi. A Milano il trasporto pubblico sarà sempre più a emissioni zero”. Un impegno importante anche quello avviato dall’Amministrazione romana del sindaco Virginia Raggi. “Uno dei nostri obiettivi è rendere Roma una città sempre più sostenibile - dichiara Linda Meleo, assessore alla Mobilità - Tante le azioni che stiamo mettendo in campo. Entro la metà del 2018 sarà pronto il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile con interventi mirati per trasporti, ciclabilità, aree pedonali, logistica e merci, nell’ottica di una migliore vivibilità e tutela ambientale. Abbiamo inoltre lavorato al primo regolamento per favorire l’installazione di colonnine di ricarica in città, semplificando procedure e burocrazia agli operatori che operano nel settore. Contiamo di superare quota 700 colonnine elettriche entro il 2020”.
Per l’elettrico l’Emilia Romagna punta su investimenti e incentivi. “Sappiamo quanto sia importante promuovere la mobilità sostenibile sia per la vivibilità dei nostri cittadini, sia per sostenere il turismo - commenta Stefano Bonaccini, presidente della Regione - Entro il 2019 avremo 80 nuovi treni per i pendolari con posti anche per le biciclette, e verranno presto acquistati 600 autobus ecologici. Credo che la risposta dei cittadini possa essere positiva in relazione però agli incentivi che si mettono in campo per l’elettrico e all’efficienza dei trasporti pubblici”.
Non solo interventi mirati sul fronte dell’abbattimento dei costi, dell’autonomia e delle colonnine di ricarica. Ancitel Energia e Ambiente sta inoltre lavorando a un supporto tecnico e formativo rivolto degli amministratori locali. “Io credo che entro dieci anni avverrà il sorpasso numerico dei veicoli elettrici rispetto a quelli tradizionali - afferma il presidente Filippo Bernocchi - Con il nostro progetto Charging City siamo impegnati a fornire ai Comuni le linee guida e le informazioni necessarie su colonnine di ricarica, infrastrutture e normative per promuovere al meglio la mobilità sostenibile”.



l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.