Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori

Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Chi inquina limita
la nostra libertà

Essere liberi è per chiunque la prima necessità per una vita piena ma purtroppo in ogni angolo della nostra società vi sono mille e mille impedimenti al conseguimento di una vera libertà personale.
Ottantadue n°5 Novembre 2017

Ma chi inquina limita la nostra libertà? Sappiamo come la libertà di ognuno di noi sia la prima condizione per sentirci capaci di determinare il nostro destino, nei limiti ovviamente della realtà sociale in cui ci muoviamo.
Il popolo Tibetano, profondamente buddista, sa che su questa terra la pace e la compassione sono il modo migliore per affrontare le difficoltà della vita, come insegna il loro leader religioso Sua Santità il Dalai Lama.
Ma nonostante questo, rischiando la vita, lascia le terre dei suoi avi alla ricerca della libertà che gli viene negata in patria: per essere libero affronta peripezie incredibili ed accetta di ricostruire la sua vita sociale ed economica da zero.
Ed il ragazzo africano che viene in Europa cercando una miglior possibilità di vita non lo fa forse per essere libero? Nessun individuo è libero se condizionato dal bisogno, dalle ristrettezze economiche.
Essere liberi è per chiunque la prima necessità per una vita piena ma purtroppo in ogni angolo della nostra società vi sono mille e mille impedimenti al conseguimento di una vera libertà personale.
E chi inquina limita la nostra libertà?
Ogni volta che siamo costretti a prendere provvedimenti concreti per salvaguardare la nostra integrità fisica non lo facciamo mai per un nostro piacere, ma costretti da eventi esterni che influiscono sulla nostra salute.
Ma nel fare ciò quanta parte perdiamo del tempo che ci è dato e delle risorse che abbiamo a disposizione?
Chi ci ruba del tempo e delle risorse non solo è un ladro, ma limita di fatto la nostra libertà che in assenza di quegli impegni ci condurrebbe ad altre realizzazioni materiali o intellettuali.
Dunque chi inquina non è semplicemente una persona che non fa il proprio dovere nei confronti della comunità, ma ci ruba tempo e limita la nostra libertà. In una parola. Ci ruba la vita.
Tutti sappiamo che nel passato i problemi legati alla salvaguardia dell’ambiente erano sconosciuti e che perciò si sono realizzate attività sociali assolutamente ignoranti di ogni problema ambientale.
Ma oggi che tutto il mondo riconosce la necessità di interventi capaci di neutralizzare l’inquinamento in atto, come possiamo accettare che i Governi per lo più ignorino completamente l’impellenza di porre termine alle pratiche che distruggono la nostra vita e limitano la nostra libertà?
Dopo il grande e celebrato incontro a Parigi ci aspettavamo una accelerazione dei provvedimenti atti a favorire le organizzazioni virtuose e a penalizzare le altre: ad oggi non sembra che molto sia stato fatto sia in Europa come in Italia.
Basterebbe che tutti noi ci sentissimo, come dice il Dalai Lama, uno dei sette miliardi che popolano il nostro pianeta e dunque agissimo di conseguenza.


l’Europa crede
nell’Economia Circolare
La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha presentato a Roma le novità del “Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare” recentemente approvato.
Meno lacci e lacciuoli alla green economy
I consorzi, come Cobat che da oltre trenta anni opera nel settore, sono pronti a dare all’Amministrazione Pubblica tutta la collaborazione che può essere utile allo sviluppo di una vera economia circolare.
Ambiente e sostenibilità
nel dna di Novomatic
Le aziende italiane del gruppo, leader nel settore del gioco, hanno conseguito l’importante certificazione ISO 14001:2015 che attesta l’attenzione ai temi green.
Formula E Roma,
elettrizzante
gran premio
Il campionato mondiale su tracciati urbani approda nella capitale italiana, quartiere EUR, dopo il successo registrato in altre importanti città come Hong Kong, Marrakesh e Santiago.
A Bologna e Napoli i summit dei Punti Cobat Risultati e obiettivi di un brand vincente
Ben 150.000 le tonnellate di rifiuti gestiti dal Consorzio nel 2017. Il direttore operativo
De Persio: “Le aziende del nostro network possono contare su una serie di vantaggi”.
Rifiuti spaziali: super-laser
e rientri programmati
I dati dell’Agenzia Spaziale Europea parlano di 7.500 tonnellate di detriti spaziali destinati a un forte aumento se non si metteranno a punto efficaci soluzioni di recupero.
La Carta della Terra, diciotto anni dopo
Sempre attuale la dichiarazione siglata nel 2000 per una società sostenibile. Quattro i valori cardine: difesa della natura, rispetto dei diritti umani, giustizia economica e cultura della pace.
Sessanta autori a confronto
su economia e ambiente
In questa particolare antologia, sessanta autori hanno sviluppato saggi per analizzare esperienze di aziende e di istituzioni ragionando sul già fatto e “alzando l’asticella” di quel che c’è da fare per un futuro sostenibile.
Allarme illeciti transfrontalieri nella gestione dei rifiuti
I movimenti transfrontalieri sono venuti a rappresentare uno degli strumenti di elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e la causa di danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.
Stefano Ciafani
è la nuova guida
di Legambiente
I temi sui quali il nuovo gruppo dirigente intende lavorare nei prossimi anni sono in continuità col mandato dell’ultimo Congresso: clima ed energia, economia circolare e civile, green society, legalità, citizen science e volontariato.