Testo di: Matteo Filacchione
Foto di: Tania De Pascalis

Di anno in anno
le meraviglie
della terra in un click

Torna anche per il 2018 “Obiettivo Terra”, il concorso fotografico ideato da Fondazione Univerde per riscoprire e difendere gli scorci più suggestivi della natura che ci circonda.
Ottantadue n°6 Dicembre 2017

Riscoprire le meraviglie del tesoro naturalistico che ci circonda, dal mare alle montagne, dai Parchi nazionali a quelli regionali. Nasce con questo scopo il concorso fotografico “Obiettivo Terra” riproposto anche per il 2018 dalla Fondazione Univerde in accordo con la Società Geografica Italiana e il Cobat. Basta dare un’occhiata alle foto - raccolte anche in una pubblicazione e in un calendario - per innamorarsi di tanti scorci unici della terra in cui viviamo, e in particolare d’Italia. L’ultima edizione ha visto incoronare l’immagine scattata da Tania De Pascalis al lago di Braies, in Trentino Alto Adige. Una delle numerose “perle” che l’ambiente ci regala e che dobbiamo difendere.
“Vivere in armonia con la natura, sembra essere questo il senso di tutte le splendide foto dell’edizione 2017 di Obiettivo Terra - commenta Giancarlo Morandi, presidente di Cobat - Una, in particolare, fa emergere in maniera lampante questo concetto. Si tratta dello scatto vincitore del concorso. L’immagine ritrae uno spazio incantato, fatto di ghiacci e di neve, elementi messi sempre più a rischio da un cambiamento climatico che abbiamo deciso di contrastare con tanto, troppo ritardo.?Lì, nel Parco Regionale Naturale Fanes Sennes e Braies, in Trentino Alto Adige, vediamo una montagna che sovrasta un lago ghiacciato. E proprio su quel temporaneo pavimento di ghiaccio, vediamo muoversi, passeggiare, due figure umane. In una sola foto, quella di Tania De Pascalis, troviamo la fragilità della natura e la fragilità dell’uomo di fronte alla natura. E dall’unione di queste due fragilità scaturisce la forza dell’armonia tra uomo e natura. Un’armonia che possiamo provare a raggiungere in tanti modi. Uno di questi, forse il principale, è l’economia circolare”. Quell’economia circolare che proprio il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo si impegna a promuovere da 30 anni. Innanzitutto con azioni concrete per dare una nuova vita ai materiali, e poi con iniziative di sensibilizzazione tra cui il sostegno a Obiettivo Terra.
“Il lavoro di Cobat iniziò nel lontano 1988 riciclando le batterie al piombo esauste e i rifiuti piombosi - ricorda il presidente Morandi - Oggi abbiamo messo la nostra esperienza e la nostra rete al servizio di qualsiasi prodotto tecnologico, dalle batterie al litio di nuova generazione, a tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche, dai moduli fotovoltaici agli pneumatici. Il nostro obiettivo è trasformare quelli che vengono definiti rifiuti, scarti, in nuove materie prime da reimmettere nel ciclo produttivo. Chiudiamo il cerchio della produzione, per far sì che i nostri comportamenti umani, le nostre abitudini, la nostra generosità, i nostri acquisti compulsivi, non mettano a repentaglio la fragilità della natura e, di riflesso, quella dell’uomo. Per far sì, in ultima istanza, che sia sempre possibile per l’uomo camminare su quel lago ghiacciato, fiduciosi che la natura non ci tradirà, se noi non tradiremo la natura”.
L’edizione 2018 del concorso della Fondazione Univerde sarà come sempre dedicato alle bellezze dei Parchi e delle Aree Marine Protette. Le iscrizioni si raccolgono fino al 21 marzo. Al vincitore assoluto verrà attribuito un premio di mille Euro, e la foto migliore sarà oggetto di una maxi affissione nel cuore di Roma. (Per info www.obiettivoterra.eu)


e-mob,
l’Italia che sarà
Il tema di E-Mob 2018 è il “movimento
dal basso”: la rivoluzione dei veicoli
green parte infatti dalle città.
Dai Comuni incentivi per il loro utilizzo.
Con le aziende sane
contro gli ecoreati
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Bre.Be.Mi, la prima autostrada elettrica
L’autostrada A35 Brescia-Milano sarebbe pronta al debutto elettrico in un anno.
È il primo progetto italiano di “grande arteria”
a zero emissioni per il trasporto merci.
ANCO in prima fila per l’economia circolare
Sul Lago Maggiore la convention dell’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi. Cresce in modo significativo
la quantità di rifiuti speciali avviati al recupero.
La sostenibilità viaggia sui veicoli Scania
Italscania porta nel nostro Paese la filosofia green della multinazionale scandinava: camion non inquinanti, autobus elettrici e siti produttivi a basso consumo energetico.
“Meno burocrazia
per aiutare le imprese green”
Venanzieffe è un punto di riferimento per l’economia circolare in Lombardia. L’amministratore unico Franco Venanzi:
“Servono leggi più chiare e tempi più brevi”.
La plastica ha
ancora un futuro?
Un mondo free plastic forse è utopico. Solo in Europa il settore conta 1,5 milioni di occupati e affari per 340 miliardi l’anno. Ma un uso più limitato e consapevole diventa indispensabile.
Prime vittorie
contro i crimini ambientali
In italia crescono gli arresti per i reati contro l’ambiente e le inchieste sui traffici illeciti
di rifiuti. Le recenti normative si stanno
dimostrando efficaci
Un interessante studio sui materiali e i processi produttivi
L’automobile sta affrontando il viaggio più complesso della sua esistenza.
E nei materiali che la compongono - nella loro durevolezza, riciclabilità e rinnovabilità
- si nasconde la risposta sul suo futuro.
Circular Economy, continuano i corsi per giornalisti
Prossimo appuntamento il 15 novembre a Roma, presso la sede di Società Umanitaria. Quest’anno focus sul Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare.