Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALI

Cobat, un passato a
garanzia del futuro

Ottantadue n°6 Dicembre 2017

Questo numero di Ottantadue rappresenta in modo significativo lo stato dell’arte della vita di Cobat.
I suoi articoli, le inchieste, gli approfondimenti culturali, l’illustrazione di casi di eccellenza: tutto questo ha un preciso significato per il più grande consorzio che si occupa di raccolta e riciclo di apparecchiature elettriche ed elettroniche e batterie.
Nel momento in cui in casa Cobat si pensa a come celebrare i trent’anni trascorsi a lavorare in difesa dell’ambiente con i propri soci e le aziende di logistica e riciclo associate, questo numero rappresenta, se pur indirettamente, il cammino percorso e contemporaneamente apre uno sguardo sul futuro.
I dieci anni trascorsi come partner di Italian Amala Onlus simboleggiano in pieno la capacità di Cobat di guardare lontano al di fuori del perimetro del lavoro giornaliero per farsi carico di problemi che il nostro mondo si trova oggi ad affrontare in molti territori del nostro pianeta e che riempiono tutti noi di grande responsabilità sociale.
È stato proprio in funzione di questa visione che il consorzio già diversi anni fa ebbe il riconoscimento dell’organizzazione dell’ONU che si occupa di ambiente con l’approvazione dei suoi bilanci (economici e sociali) da parte dell’UNEP: unico consorzio in Europa ad avere avuto quel riconoscimento, sino all’attribuzione della “targa d’oro” della “Carta della terra” nello scorso 2012.
L’illustrazione dei due casi di eccellenza imprenditoriale in Sardegna ed in Sicilia sono un esempio del lavoro di ricerca effettuato negli anni di aziende che non solo sapessero svolgere le attività a cui erano chiamate dalla collaborazione con Cobat ma che avessero anche nella loro filosofia aziendale lo stesso spirito di servizio verso la comunità, accompagnato dalla capacità di guardare con intelligenza ai bisogni ambientali della propria comunità.
I ragionamenti sugli sviluppi futuri delle normative europee e sui cambiamenti filosofici in atto nel settore industriale bene individuano l’applicazione che la governance di Cobat ha fatto come proprio tratto distintivo: prepararsi già oggi ad affrontare i problemi che le nostre attività industriali e sociali incontreranno nel futuro.
Infine le bellezze della nostra Terra, illustrate da foto uniche, rappresentano il logico premio di tutti coloro che dentro e insieme a Cobat hanno lavorato, lavorano e lavoreranno per salvaguardare il nostro pianeta in modo che continui ad essere la bella casa che ognuno di noi desidera.



e-mob,
l’Italia che sarà
Il tema di E-Mob 2018 è il “movimento
dal basso”: la rivoluzione dei veicoli
green parte infatti dalle città.
Dai Comuni incentivi per il loro utilizzo.
Con le aziende sane
contro gli ecoreati
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Bre.Be.Mi, la prima autostrada elettrica
L’autostrada A35 Brescia-Milano sarebbe pronta al debutto elettrico in un anno.
È il primo progetto italiano di “grande arteria”
a zero emissioni per il trasporto merci.
ANCO in prima fila per l’economia circolare
Sul Lago Maggiore la convention dell’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi. Cresce in modo significativo
la quantità di rifiuti speciali avviati al recupero.
La sostenibilità viaggia sui veicoli Scania
Italscania porta nel nostro Paese la filosofia green della multinazionale scandinava: camion non inquinanti, autobus elettrici e siti produttivi a basso consumo energetico.
“Meno burocrazia
per aiutare le imprese green”
Venanzieffe è un punto di riferimento per l’economia circolare in Lombardia. L’amministratore unico Franco Venanzi:
“Servono leggi più chiare e tempi più brevi”.
La plastica ha
ancora un futuro?
Un mondo free plastic forse è utopico. Solo in Europa il settore conta 1,5 milioni di occupati e affari per 340 miliardi l’anno. Ma un uso più limitato e consapevole diventa indispensabile.
Prime vittorie
contro i crimini ambientali
In italia crescono gli arresti per i reati contro l’ambiente e le inchieste sui traffici illeciti
di rifiuti. Le recenti normative si stanno
dimostrando efficaci
Un interessante studio sui materiali e i processi produttivi
L’automobile sta affrontando il viaggio più complesso della sua esistenza.
E nei materiali che la compongono - nella loro durevolezza, riciclabilità e rinnovabilità
- si nasconde la risposta sul suo futuro.
Circular Economy, continuano i corsi per giornalisti
Prossimo appuntamento il 15 novembre a Roma, presso la sede di Società Umanitaria. Quest’anno focus sul Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare.