Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

L’impegno dei produttori
è prioritario

Senza l’impegno dei produttori a farsi carico economicamente dei progetti dei loro prodotti, in modo che siano completamente riciclabili, e senza analogo impegno economico per diffondere la cultura del riciclo presso tutti gli operatori sarà estremamente difficile ripetere il successo ottenuto con le batterie esauste.
Ottantadue N°3 luglio 2018

Quando nel 1988 il Parlamento italiano ha deciso di affrontare la situazione delle batterie al piombo disperse nell’ambiente creando un consorzio, la situazione nel Paese era veramente desolante.
Con il basso prezzo del piombo sui mercati internazionali, il valore dei rottami di piombo e dunque anche delle batterie era insignificante: quindi in termini economici a nessuno conveniva la raccolta ed anche il conseguente riciclo delle batterie.
Si trovavano batterie esauste non solo abbandonate nelle discariche abusive, ma addirittura sui marciapiedi delle città, vicino a monumenti storici, nei boschi.
Impegnando i produttori di batterie a sostenere i costi di una raccolta e un trattamento di riciclo corretti dal punto di vista ambientale in pochi anni si è risolto il problema.
Certo, si sono dovute fare grandi campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e mettere a disposizione dei privati e delle aziende servizi di logistica efficienti.
Fatto ciò, solo dopo pochi anni l’Italia si poteva vantare di avere una raccolta e un riciclo di batterie al piombo in linea con i Paesi occidentali considerati da sempre estremamente virtuosi nei confronti dell’ambiente, come Norvegia e Finlandia.
Con l’economia circolare oggi siamo all’ini-zio di una simile meravigliosa avventura?
Le premesse dicono di no.
La moltiplicazione degli attori sul territorio voluta da una legge ignorante dei problemi ambientali da una parte e dall’altra la responsabilità estesa dei produttori, che è solo un mantra recitato da tutti in Europa, ma che per ora non trova nessuna rispondenza pratica, rendono ardue quelle azioni necessarie a sensibilizzare tutti gli attori del settore sulla necessità di un impegno preciso ad attuare l’economia circolare. 
La nostra speranza è che i legislatori italiani scoprano presto questo deficit e vi pongano riparo.
Senza l’impegno dei produttori a farsi carico economicamente dei progetti dei loro prodotti, in modo che siano completamente riciclabili, e senza analogo impegno economico per diffondere la cultura del riciclo presso tutti gli operatori sarà estremamente difficile ripetere il successo ottenuto con le batterie esauste.
Peccato, perché ormai vi sono le esperienze e di conseguenza le conoscenze sufficienti a rendere di nuovo l’Italia un Paese orgoglioso delle proprie attività ambientali.
Comunque non è mai tardi ed inoltre sistemi come quello Cobat sono in grado di realizzare già oggi un buon lavoro: ma vorremmo che diventasse ottimo soprattutto per il futuro del Paese Italia.


Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.