Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Con le aziende sane
contro gli ecoreati

La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali
Ottantadue n°4 ottobre 2018

Può sembrare strano che una organizzazione come Cobat, che si occupa di economia circolare organizzando la logistica e i processi industriali del riciclo, abbia tanta attenzione ai reati che si commettono nel settore ambientale: quelli che vengono chiamati comunemente “ecoreati”.
In realtà questa attenzione ha invece molte motivazioni.
La più immediata delle motivazioni è quella che riguarda la difesa delle aziende che lavorano con Cobat e che rischiano di non poter stare sul mercato se subiscono una concorrenza sleale da parte di chi abbatte i propri costi non ottemperando alle leggi ambientali, con l’effetto evidente dal punto di vista sociale della perdita di tanti posti di lavoro e la dispersione di capacità imprenditoriali rispettose della legalità e dell’interesse generale.
Vi è poi un interesse della nazione Italia a far fronte agli obblighi internazionali anche nel settore ambientale e tutto ciò che viene organizzato in modo fraudolento, e dunque nascosto, non può certo far parte delle statistiche che riguardano l’attività di recupero e riciclo che il Governo deve documentare; rischiamo così di essere sottoposti a forti multe internazionali oltre a non avere credibilità in quelle sedi ove si discute del futuro dell’economia sostenibile.
Il non adempiere ai corretti obblighi ambientali riduce anche le risorse che il Paese potrebbe riutilizzare una volta effettuato l’opportuno riciclo e fa scomparire tanti posti di lavoro legati al settore impoverendo così tutto il Paese.
Ma certamente la motivazione più forte che dovrebbe esortare tutti ad essere capaci di perseguire chi compie gli ecoreati è che un ecoreato è, tra i delitti che l’uomo può compiere, il peggiore: certamente chi subisce direttamente un furto, una rapina, o un odioso imbroglio può ritenere di essere vittima di un torto immane e per i parenti di chi viene ucciso sarà certamente difficile pensare a un delitto più grave, ma il più odioso e vigliacco dei delitti è invece perpetrato da coloro che inquinando tolgono la vita a moltitudini di persone in un tempo senza confini: avvelenando l’acqua, l’aria, la terra si avvelenano tutti gli esseri viventi che hanno e avranno la sfortuna di vivere in quell’ambiente.
Dunque per un consorzio che ha fatto della sostenibilità ambientale la sua missione ideale scovare e far perseguire tutti coloro che offendendo l’ambiente ci tolgono una parte della nostra vita è un dovere morale prima ancora che aziendale.



Cobat Tyre
Da 30 anni di esperienza Cobat nella gestione dei rifiuti tecnologici nasce la società consortile specializzata nella raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso
Ora la politica
passi ai fatti!
Cobat continuerà ad occuparsi con sempre più determinazione della realizzazione dell’economia circolare che rimane la sua missione istituzionale.
Fintyre il leader degli pneumatici sceglie cobat
Il Gruppo numero uno nella distribuzione di gomme per veicoli si allea con il nuovo operatore Cobat Tyre: una partnership per la raccolta e lo smaltimento di PFU in tutta Italia.
Circular economy e RAEE: fusione Cobat-Ecoelit
La piattaforma Cobat per la raccolta e il riciclo si allarga al settore degli elettroutensili. L’intesa nasce da un comune patrimonio storico basato su innovazione e difesa dell’ambiente.
La corsa ad ostacoli dell’economia circolare
Morandi, presidente di Cobat: “Serve un sistema per garantire l’universalità della raccolta, con regole per assicurare il servizio anche dove economicamente non conviene”.
“I crimini ambientali
rubano il futuro”
Il seminario sulla legge contro gli ecoreati promosso da Cobat e Legambiente ha fatto tappa a Bologna e Bari. Il generale Giove: “Massimo impegno contro questi gravi illeciti”.
Recuperate a Capri
33 tonnellate
di batterie
Importante intervento green sull’isola da parte di Cobat e dell’azienda partner IT Risorse: avviati al riciclo gli accumulatori della funicolare che trasporta ogni giorno migliaia di turisti.
Nuova vita
ai materiali
per avere un futuro
La circular economy non è un concetto astratto, riguarda il nostro oggi e il nostro domani. Occorre informare tutti in merito al fatto che le risorse sono finite.
L’economia circolare
per un mondo migliore
Quanto durerà lo smartphone che abbiamo in tasca oggi? Due, tre anni? Ci penseranno comunque un aggiornamento software o la forza di persuasione del marketing a farlo fuori.
Quando foto e natura diventano poesia
La decima edizione di “Obiettivo Terra”, promossa con la main partnership di Cobat, è stata lanciata a dicembre 2018 nel corso dell’incontro “I Patrimoni dell’Umanità italiani.
Mobilità elettrica, Motus-E cerca nuovi talenti
Una “call for ideas” e una “call for startup” per selezionare nuove idee ed iniziative inerenti la mobilità elettrica.