Testo di: Matteo Filacchione
PUNTO COBAT

Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”

Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Ottantadue n°5 Dicembre 2018

Tutto iniziò quasi 25 anni fa ad opera del fondatore Giuseppe Ceirano, quando l’azienda commercializzava prodotti per lavanderie. Poi, la legge 915 del 1982 diede alla dirigenza l’input per occuparsi dello smaltimento dei rifiuti speciali legati a questo settore, in particolare dei solventi. Da qui la bravura e la capacità da parte dell’impresa di conquistare importanti fette di mercato in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta. Successivamente la scelta di dedicarsi anche al fine vita di altri materiali e al recupero di rifiuti pericolosi e non, dagli imballaggi contaminati alle batterie esauste, dagli oli usati alle pitture. 
Oggi, Amambiente srl - Punto Cobat con sede a Lagnasco in provincia di Cuneo - è diventata un’azienda leader nel riciclo di materiali nell’ambito “protezione, igiene e pulizia”, e più in generale un punto di riferimento per l’economia circolare nel territorio piemontese. 
«La nostra è una realtà a conduzione familiare che ha saputo evolversi negli anni - commenta Danilo Pairone, uno degli amministratori delegati, nonché responsabile tecnico di Amambiente - Tutto iniziò nel 1994 nel settore dei prodotti per lavanderia. Oggi non ci occupiamo più solo dello smaltimento dei solventi, ma anche del fine vita di altri rifiuti pericolosi e non.
L’azienda è autorizzata e specializzata nel servizio di raccolta, trasporto e smaltimento, e vanta una consolidata esperienza nell’ambito della micro raccolta di rifiuti, potendo beneficiare di una capillarità di raccolta sul territorio che permette l’erogazione di servizi efficienti a costi contenuti e concorrenziali. Da quasi 8 anni siamo Punto Cobat, stiamo crescendo a fianco del Consorzio con l’obiettivo di difendere l’ambiente e di soddisfare al meglio le richieste delle imprese. Negli ultimi anni siamo passati da 400 a 1.500 tonnellate di batterie al piombo, RAEE e Pneumatici Fuori uso avviati al recupero. Con il nostro operato sposiamo pienamente la filosofia di Cobat e siamo felici di lavorare al fianco del Consorzio per la tutela dell’ambiente». 
Oggi Amambiente conta circa 30 lavoratori e offre anche una serie di attività di consulenza e assistenza in materia di smaltimento degli scarti. «Il nostro obiettivo è preservare la natura nella quale viviamo attraverso la continua ricerca di soluzioni all’avanguardia nel rispetto delle normative vigenti - aggiungono i dirigenti dell’azienda piemontese - La corretta gestione del fine vita dei rifiuti non è solo una necessità per l’impresa, ma anche una priorità per preservare il nostro ecosistema. Amambiente nasce dall’unione di Ama e Ambiente, due parole che insieme raccontano l’essenza della nostra “mission” e si traducono in piccole azioni che insieme rappresentano un impegno concreto per preservare l’ecosistema in cui viviamo. Il nostro modo di difendere l’ambiente è fatto di attenzioni quotidiane, ma anche di un progetto aziendale che cerchiamo di condividere con le imprese che si affidano alla nostra realtà.
Dal 1994 ci proponiamo sul mercato come interlocutori attenti allo studio delle problematiche normative e ambientali del territorio, per individuare con un approccio globale soluzioni all’avanguardia nel campo della sicurezza delle imprese. Nella nostra attività - fa sapere inoltre l’azienda sul proprio sito web - ci rivolgiamo a realtà industriali, commerciali, di servizio, enti pubblici e artigiani, accompagnandole in ogni fase: dalla gestione allo smaltimento dei rifiuti».
In particolare, Amambiente gestisce lo smaltimento dei rifiuti speciali provenienti da lavanderie, carrozzerie, isole ecologiche, uffici, tipografie, strutture sanitarie, farmacie, colorifici, falegnamerie, centri estetici, parrucchieri e altre attività. Il cliente viene accompagnato in ogni fase: dalla gestione allo smaltimento degli scarti utilizzando un parco mezzi dotato di tutte le attrezzature necessarie per occuparsi di ogni tipo di rifiuto. 
Un’attenzione specifica viene inoltre rivolta alla formazione del personale. Grazie alla professionalità e all’esperienza acquisita negli anni, Amambiente è in grado di offrire alla clientela un percorso di formazione rivolto alle diverse figure presenti in azienda. 
«Vogliamo continuare a crescere e a fare la nostra parte per promuovere l’economia circolare nel territorio in cui operiamo - aggiunge Danilo Pairone - Il nostro è un lavoro importante, ma allo stesso tempo delicato e complesso. La troppa burocrazia ancora presente in Italia non aiuta di certo, e alla politica chiediamo di capire e di occuparsi dei problemi concreti delle aziende. Sarebbe utile premiare in modo efficace le imprese virtuose, dare un sostegno a chi davvero crede che l’ambiente sia una ricchezza da preservare. Economia e sostenibilità - conclude il dirigente di Amambiente - possono crescere insieme».


Ecomondo.
Cobat verso nuove mete
All’evento internazionale di Rimini il Consorzio ha illustrato la propria scelta di farsi in tre per vincere le nuove sfide dell’economia circolare: Cobat Raee, Cobat Ripa e Cobat Tyre.
Avere o Essere
Oggi sappiamo che se vogliamo garantire un futuro all’uomo su questo pianeta dobbiamo ripensare completamente al nostro modello di sviluppo.
Creare lavoro?
Ci pensa la green economy
Ben 2,2 milioni di nuovi posti nel giro di cinque anni, che arriverebbero a 3,3 calcolando anche l’indotto. Questi i risultati occupazionali che si avrebbero puntando su un sistema produttivo rispettoso dell’ambiente.
Fine vita dei veicoli e tracciabilità. Cobat e CAR viaggiano verso il futuro
De Persio: “Presto operativo un innovativo progetto che permetterà di monitorare in tempo reale il recupero dei materiali nei processi di autodemolizione”.
L’energia solare
scalda il cuore
degli italiani
Stando ai dati raccolti da Fondazione UniVerde, IPR Marketing e Cobat, oltre il 90% dei nostri connazionali crede che le rinnovabili siano le migliori fonti energetiche.
Ambiente e legalità
salgono in cattedra
A Firenze il primo incontro del corso di formazione promosso da Legambiente e Cobat.
Un focus specifico è rivolto alla Legge 68 del 2015 contro gli ecoreati.
Spalmaincentivi
per il fotovoltaico
Il TAR del Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la questione pregiudiziale sul contrasto della “spalmaincentivi” con alcuni principi fondamentali del diritto comunitario.
Amambiente:
“Il nostro impegno per l’economia circolare”
Alla scoperta del Punto Cobat Amambiente. Nata quasi 25 anni fa per commercializzare prodotti per lavanderie, l’azienda è diventata leader nel riciclo di rifiuti in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.
Forum Qualenergia. Economia, istituzioni, imprese e mondo della ricerca a confronto
“Per salvare il Pianeta occorre accelerare la rivoluzione delle rinnovabili”. Questo il messaggio lanciato in occasione del forum promosso a Roma da Legambiente.
La rivoluzione della circular economy tra favole e realtà
Packaging. Oggetto complesso e tecnologicamente avanzato, strumento di orientamento all’acquisto in grado di informare il consumatore sulle caratteristiche del prodotto e della marca.
Goodbye Sistri con
l’inizio del 2019
Un sistema che doveva semplificare e rendere trasparente il ciclo di fine vita dei rifiuti abbattendo anche i costi sostenuti dalle imprese del settore si è rivelato da subito un costoso e maldigerito flop.
Cobat per il sociale
Cobat rinnova anche quest’anno l’impegno nel sociale scegliendo di sostenere con il proprio biglietto di auguri, i progetti di Italian Amala Onlus a favore dei bambini e dei ragazzi profughi tibetani in Ladakh.