Testo di: Matteo Filacchione

Thundervolt,
il tuono corre
sulle due ruote

Grande interesse per l’azienda produttrice di moto elettriche che guarda all’ambiente e al futuro. Oggi realizza veicoli che corrono solo in pista, ma è pronta ad aprirsi nuove strade.
Ottantadue n°2 Giugno 2019

Quando sei anni fa sono diventato padre la mia sensibilità verso i temi ambientali è cresciuta ancora di più. Unendola alla passione per le moto, insieme ad altri due amici ho deciso di dare vita a Thundervolt». 
Con queste parole Loris Reggiani, campione di motociclismo, parla della sua recente attività imprenditoriale che lo vede al fianco di Giuseppe Sassi, compaesano della provincia di Forlì, e del lecchese Bruno Greppi.
Il primo, classe 1959, è stato pilota del motomondiale, ex commentatore tecnico e costruttore di Rosine, auto con quattro motori Yamaha 1000. Il secondo è costruttore di minimoto, motori per barche radiocomandate e ora anche di moto elettriche. Il terzo ha invece una storia da meccanico e preparatore di auto da rally, si è dedicato anche alla costruzione di veicoli elettrici, spaziando dai natanti agli alianti, dai trattori tagliaerba ai furgoni ibridi con turbina a gas.
«Più che altro siamo artigiani delle due ruote - spiega Reggiani - Insieme abbiamo ideato questo marchio di moto elettriche che prende il nome da Thunder, il tuono, e Volt, l’unità di misura della tensione elettrica.
Tutto ciò è anche espressione di grinta, potenza e forza, tutte caratteristiche che potete ritrovare nei nostri veicoli». Le moto ideate da Reggiani, Sassi e Greppi - tre “ragazzi sessantenni” pazzi per le due ruote, come amano definirsi loro stessi - viaggiano solo su pista e non sono omologate per la strada.
«Un altro motivo che ci ha spinto a vivere questa avventura è il fatto che mia sorella Katia possiede un kartodromo vicino a Forlì - continua Loris Reggiani - I mezzi in prova facevano rumore, suscitando le proteste del vicinato. Allora abbiamo pensato a queste nuove moto a emissioni e rumori zero». 
L’essere silenziose è infatti una delle principali caratteristiche delle moto elettriche. «All’inizio guidare un mezzo che non emette rumori è molto strano, mette quasi i brividi - incalza l’ex campione - Piano piano anche queste moto a emissioni zero riescono poi ad accendere l’adrenalina e a regalare emozioni in pista. Sono infatti veicoli divertenti in grado di stimolare sensazioni molto simili, e a volte perfino migliori, di quelle delle moto tradizionali». 
Il marchio Thundervolt è nato un anno e mezzo fa e si sta già affermando. «Siamo i primi sul mercato e il prodotto piace, anche se non è facile promuovere una novità di questo tipo, la gente sta ancora alla finestra per vedere come si evolve il settore - aggiunge Reggiani - Questo non toglie che il futuro appartiene ad auto e moto elettriche, è solo una questione di tempo, e noi ci crediamo. E poi, come accennavo, è giusto insistere su questa strada anche da un punto di vista ambientale e di sostenibilità. Molto ruota intorno ai costi, a partire da quelli significativi delle batterie». 
Un tema caro a Cobat, con il quale Thundervolt ha già avviato una collaborazione. «La nostra impresa ha lavorato alla progettazione della batteria delle moto elettriche, realizzata poi in Cina per motivi tecnici - fa sapere Reggiani - Per l’importazione nei termini di legge si è resa necessaria una collaborazione con il Consorzio, con il quale ci stiamo trovando bene». 
In attesa di nuove proposte per il futuro, i tre sessantenni hanno già ideato la moto “Bellissima”, le cui caratteristiche sono state illustrate sul sito di Thundervolt. «La progettazione e la realizzazione hanno richiesto due anni di studi e prove accurate - spiegano Greppi, Sassi e Reggiani - Sono stati realizzati un paio di prototipi, apportando successivamente modifiche e miglioramenti continui, fino alla definizione di NK-E, una naked con ruote da 12’’. Bellissima!». 
Dai dati riportati e dalla descrizione degli aspetti tecnici balzano subito all’occhio la qualità e la carica innovativa del veicolo. «Come in una vera moto da competizione, tutti i dettagli sono stati curati e studiati con grandissima attenzione: la sensazione è quella di un modello da corsa - aggiungono gli ideatori - Alcuni particolari tecnici lo confermano, come il forcellone monobraccio, a traliccio di tubi ad alto resistenziale, che sostiene il motore inserito nel mozzo di un cerchio a razze in lega di alluminio smontabile con cinque viti di tipo automobilistico. La potenza continuativa di 4 KW e un picco di 8 KW garantiscono un’ottima accelerazione. La velocità massima di 90 chilometri all’ora si raggiunge in una quarantina di metri. Come nelle migliori moto da competizione è disponibile un software per variare le curve del freno motore, dell’accelerazione e della velocità massima». 



L’energia che dà slancio alla moto è accumulata grazie a una batteria ai polimeri di litio, con Bms e teleruttore integrati: eroga 72V e 40Ah da inizio a fine carica, dando la possibilità di girare per circa 30 minuti in pista senza problemi di prestazione. La batteria è sostituibile in un paio di minuti. Il comando “drive by wire” con manopola racing completa il powertrain. Una pompa radiale, la pinza a quattro pistoni, la tubazione trecciata e un disco da 220 mm formano il performante impianto frenante anteriore, senza dimenticare la presenza di un freno a disco idraulico anche al posteriore. In pista, il marchio “Thundervolt” è dunque già vincente: il prossimo traguardo sarà farsi conoscere sempre di più dal grande pubblico e aiutare il mercato ad abbracciare in modo consistente il segmento delle moto a emissioni zero.?È solo una questione di tempo.
Aziende sempre più green
per guardare al futuro
La grande partecipazione e i progetti illustrati a Ecomondo testimoniano l’impegno di imprese e istituzioni per l’economia circolare. Presenti ben 1.300 aziende e migliaia di buyers da 130 Paesi.
L’economia circolare
è l’unica salvezza
L’Europa ha già individuato da tempo una via sostenibile ambientalmente, socialmente ed economicamente ed i governi europei si apprestano a seguirla
obbligati dalla direttiva ad hoc.
“L’emergenza climatica
è già oggi”
Agli Stati Generali Green si è parlato di come contrastare i danni dovuti al riscaldamento globale. Edo Ronchi: “Dobbiamo decarbonizzare i trasporti e insistere con la green economy”.
Il fine vita dei veicoli e il ruolo delle batterie
“Il mondo dell’ELV: novità e prospettive” il tema del convegno al quale ha partecipato anche Luigi De Rocchi: “Cobat è pronto per il mercato del futuro, quello degli accumulatori al litio”.
Gli autodemolitori
chiedono leggi chiare
Molti gli argomenti affrontati da Alfonso Gifuni, presidente della Confederazione: “Servono regole certe e un’armonizzazione dei controlli alle dogane degli stati europei”.
Confronto sull’EPR,
“Niente paura”
A Ecomondo un workshop sulla nuova direttiva rifiuti legata alla responsabilità estesa dei produttori di AEE e pile. “Poche novità, ma un’occasione utile per migliorare il sistema”.
Social Football Summit, in gol
per l’ambiente
Allo Stadio Olimpico di Roma si è parlato di come il calcio, sport più seguito al mondo, possa promuovere innovazione, tecnologie green e sostenibilità. Presenti anche Cobat e Motus-E.
Il tempo del coraggio
Al forum Qualenergia di Roma si è parlato della necessità di riforme strutturali per favorire la transizione verso energie pulite, sia in Italia che in Europa, per contrastare l’emergenza climatica.
UTLAC, sport e turismo a impatto zero
Nel territorio lecchese si è tenuta l’edizione zero dell’Ultra Trail Lago di Como: segnaletica easy, zero plastica per i contenitori di cibi e bevande e altre mille attenzioni green.
Nel libro di Tomasi l’eccellenza italiana dei consorzi
Cercando l’ultima goccia ricostruisce, attraverso la testimonianza del suo Presidente, le vicende del Consorzio CONOU, dalla sua nascita fino ai giorni nostri.
Ancora troppe criticità nel riciclo dei rifiuti
Il settore dispone di tecnologie e di operatori dinamici ma fatica a operare in modo omogeneo sul territorio: è una macchina con un buon potenziale che non riesce a esprimere.