Testo di: Giancarlo Morandi - Presidente Cobat
EDITORIALE

Le batterie di accumulatori elettrici: queste sconosciute

Le attuali auto elettriche non sono il punto di arrivo della transizione verso una mobilità più attenta all’ambiente: appena saranno messi a punto nuovi accumulatori elettrici vedremo un’accelerazione ulteriore alla loro diffusione.
Ottantadue n°3 Luglio 2019

Oggi il dibattito sulla mobilità sostenibile verte principalmente sulla diffusione dei veicoli spinti da un motore elettrico.
Tutti gli esperti di scenari mondiali sostengono ormai da tempo che i nuovi automezzi a propulsione elettrica sostituiranno quasi completamente quelli con il motore termico: questo è certo, si asserisce, solo non si può ancora sapere con certezza quando questo avverrà.
Eppure l’auto a trazione elettrica ha percorso le strade del mondo ben prima di quelle che usano come carburante i derivati dal petrolio.
Come mai oggi risorge il mezzo a propulsione elettrica?
In realtà ciò che vi è di profondamente diverso dal passato non è certo la costruzione della carrozzeria e di tutti i servizi di bordo che ormai equipaggiano le autovetture prodotte in qualsiasi parte del mondo.
La grande differenza rispetto al passato è la capacità di avere individuato un accumulatore elettrico, quello al litio, capace di fornire energia con ingombri dimensionali e pesi estremamente più bassi delle tradizionali batterie al piombo.
Dunque la storia che si sta riscrivendo sulla mobilità è soprattutto una storia di batterie di accumulatori elettrici.
E se da più di cento anni usiamo le batterie al piombo oggi, a pochi anni dalla diffusione delle batterie al litio, tutto il mondo sta cercando nuove batterie capaci di dare più energia di quelle al litio o almeno a parità di prestazioni di non avere le loro caratteristiche negative.
Le batterie che oggi usano il litio, pur con diverse modalità, presentano tutte il problema della loro infiammabilità nelle circostanze più varie.
In particolare quando vengono trasportate o immagazzinate dopo un loro uso è facile che si infiammino se non si prendono le dovute precauzioni: gli stabilimenti che hanno preso fuoco in varie parti del mondo dalla Corea al Canada sono una testimonianza delle difficoltà nella gestione di queste batterie.
Il loro uso ha dunque limitazioni che vengono corrette da circuiti elettronici che ne controllano lo stato di carica e la temperatura per evitare brutte sorprese durante il loro utilizzo.
Dunque le attuali auto elettriche non sono il punto di arrivo di questa transizione verso una mobilità più attenta all’ambiente: appena saranno messi a punto nuovi accumulatori elettrici vedremo un’accelerazione ulteriore alla loro diffusione.
Comunque, per far fronte alle difficoltà nella gestione delle batterie al litio esauste ed al loro possibile riciclo, chi è attento all’ambiente come Cobat ha già individuato mezzi e procedure per salvaguardare gli utenti e le attività ambientali legati a questa tappa di evoluzione degli accumulatori elettrici.



e_mob, a Milano
il festival della
mobilità elettrica
Dal 26 al 28 settembre si terrà a Milano l’evento nazionale dedicato ai veicoli non inquinanti: convegni, studi, esposizioni e una giornata riservata al popolo dell’elettrico.
Tra i promotori Class Onlus e Cobat.
Le batterie di accumulatori elettrici: queste sconosciute
Le attuali auto elettriche non sono il punto di arrivo della transizione verso una mobilità più attenta all’ambiente: appena saranno messi a punto nuovi accumulatori elettrici vedremo un’accelerazione ulteriore alla loro diffusione.
Auto elettrica alla soglia di un nuovo paradigma: ma il passaggio è lento e non mancano i detrattori
Le case automobilistiche annunciano nuovi modelli elettrici. I dati migliori di diffusione riguardano i Paesi Nordici dove sono state attuate misure efficaci di sostegno al mercato.
Filiera “e-mobility” un’occasione
di rilancio
e riconversione per
le imprese italiane
Entro il 2030 potrebbero essere oltre 10.000 le aziende “made in Italy” operanti nel settore della mobilità elettrica, per un fatturato di quasi 100 miliardi di euro.
Olimpiadi invernali
a impatto zero
I Giochi Olimpici di Milano-Cortina saranno un’occasione importante per promuovere la sostenibilità ambientale. Da e_mob una piattaforma di proposte per la mobilità green.
Economia circolare, la ricarica arriva dalle batterie al litio
Le batterie dei veicoli elettrici sono più difficili da trattare a causa dell’infiammabilità del litio, ma possono diventare un’opportunità se inserite in un percorso virtuoso di circular economy.
Auto elettriche d’altri tempi
È una storia che forse nessuno ricorda e pare incredibile ma nel 1900 il 34% delle vetture circolanti a New York, Boston e Chicago avevano un’alimentazione elettrica.
Un secolo record:
da 0 a 100 all’ora
Con lo sviluppo dell’elettrotecnica, nascono gli accumulatori al piombo acido che, dalla fine dell’Ottocento, alimentano le prime vetture elettriche. Una rivoluzione epocale.
Il summit degli avvocati sul diritto delle fonti rinnovabili
di energia
L’evento, realizzato anche grazie al supporto di Cobat, ha visto la partecipazione di importanti relatori che hanno fornito una panoramica a tutto tondo delle regole italiane in materia.
e-Mobility Festival
Milano
Palazzo della Regione
il 26 - 27 - 28 settembre

3^ Conferenza Nazionale della Mobilità Elettrica

- Smart City
- Micromobilità
- Sharing Mobility
- Mobilità Elettrica